Animali

Cancro nei gatti: sintomi, tipo, trattamento

L’intervento veterinario precoce con casi di cancro è fondamentale. Sebbene prenderlo presto non porti sempre a una buona prognosi, la diagnosi precoce aiuta te e il tuo veterinario a dare al tuo gatto la migliore qualità di vita il più a lungo possibile.

Comprendere i diversi tipi di cancro nei gatti e imparare a individuare i sintomi è una parte essenziale dell’essere un genitore domestico proattivo.

Ecco una carrellata dei tumori felini che si vedono più spesso.

LINFOMA: IL TIPO PIÙ COMUNE DI TUMORE FELINO
Il linfoma è in genere il tumore più comune che colpisce i gatti, sebbene esistano altri tipi di tumori felini che possono colpire i gatti domestici.

Il linfoma si verifica in genere nei felini più anziani e si verifica più comunemente nell’intestino tenue, afferma la dott.ssa Theresa Arteaga , DVM, DACVIUM (Oncologia), proprietaria del Animal Cancer Center di Monterey, in California.

SINTOMI DEL CARCINOMA DEL LINFOMA FELINO
Secondo il Dr. Arteaga, questi sono i sintomi del linfoma nei gatti:

Perdita di peso (sintomo primario)

vomito

Anoressia (non mangiare)

Diarrea

FATTORI DI RISCHIO
I possibili fattori che contribuiscono alla probabilità che un gatto sviluppi il linfoma includono:

Essere positivi per il virus della leucemia felina (FeLV) e il virus dell’immunodeficienza felina (FIV)

Esposizione al fumo passivo

Dieta

Genetica ( i gatti siamesi sono sovrarappresentati)

TRATTAMENTO
Di solito è una forma molto aggressiva di cancro, ma è curabile con la chemioterapia, afferma la dott.ssa Joshua Lachowicz , DVM, DACVIM (Oncology), direttore medico del BluePearl Pet Hospital nel Queens, a New York. “Le remissioni sono raggiunte in circa il 60-80% dei gatti.

Questo si vede nei casi che seguono il gold standard della chemioterapia: il protocollo più lungo e più costoso. Ma molti gatti escono dalla remissione e hanno ancora una grande qualità di vita per anni, durante e dopo la chemioterapia.

SARCOMI DEI TESSUTI MOLLI
Il termine “sarcoma dei tessuti molli” comprende un’ampia categoria di tumori che si manifestano nei tessuti connettivi, muscolari o nervosi di un gatto.

I sarcomi dei tessuti molli includono:

fibrosarcoma

leiomiosarcoma

liposarcoma

Tumore della guaina del nervo (precedentemente chiamato neurofibrosarcoma, schwannoma, emangiopericytoma)

rabdomiosarcoma

Sarcoma associato al vaccino

Sarcoma indifferenziato

Più comunemente, questi tumori si trovano sul petto, sulla schiena, sul lato, sulle gambe e sui tessuti facciali degli animali domestici.

SINTOMI DI SARCOMI DEI TESSUTI MOLLI FELINI
I sintomi di un sarcoma dei tessuti molli dipendono dalla sua posizione su un gatto; tuttavia, i sintomi predominanti sono:

Una massa che puoi sentire

zoppaggine

vomito

Avere difficoltà a urinare

TRATTAMENTO
Il dott. Lachowicz spiega che i sarcomi dei tessuti molli “possono essere meno aggressivi, con una progressione che si verifica per settimane o mesi. Se non si è verificata metastasi, il trattamento con chirurgia e radioterapia ha molto successo. “

CARCINOMA A CELLULE SQUAMOSE
I carcinomi a cellule squamose sono tumori maligni localmente invasivi. Possono verificarsi in varie aree, ma si presentano più comunemente in bocca, afferma il dott. Lachowicz.

Questi tumori crescono molto rapidamente, quindi la diagnosi precoce è fondamentale.

Il dottor Lachowicz spiega: “Questi sono molto difficili da trattare se non rilevati e rimossi in anticipo, quindi la cura orale da parte di un veterinario è estremamente importante.” Ti consiglia di sottoporsi al tuo gatto per gli esami veterinari ogni sei mesi quando hanno dagli 8 ai 10 anni.

SINTOMI DI CARCINOMI A CELLULE SQUAMOSE NEI GATTI
Secondo il dott. Lachowicz, i sintomi dei carcinomi a cellule squamose possono includere:

Difficoltà a mangiare

Disagio

Alitosi

Perdita di peso

Sbavare o salivare eccessivamente

Gonfiore della mascella superiore o inferiore

Sanguinamento dalla bocca

TRATTAMENTO
Una volta confermato che un tumore è un carcinoma a cellule squamose attraverso una biopsia, ci sono alcune opzioni di trattamento. Durante le prime fasi, il tumore può essere rimosso chirurgicamente o trattato con radiazioni.

Nelle fasi più avanzate, le opzioni di trattamento diventano molto limitate. La radiazione è la scelta predominante, ma non vi è alcuna garanzia che controllerà con successo il tumore.

CARCINOMA MAMMARIO
I carcinomi mammari felini rappresentano il terzo tipo più comune di carcinoma felino in assoluto e il carcinoma felino più frequentemente diagnosticato nei gatti di età superiore ai 10 anni.

I gatti hanno due “catene” o file di ghiandole mammarie con quattro in ciascuna catena. Corrono per la lunghezza della pancia di un gatto, il che significa che i tumori possono svilupparsi ovunque dall’ascella all’inguine, afferma il dott. Lachowicz.

Questi tumori possono avere origine nella ghiandola mammaria, ma possono metastatizzare ai linfonodi, alla ghiandola surrenale, ai polmoni, alla pleura epatica e ai reni.

SINTOMI DI CARCINOMI MAMMARI FELINI
I sintomi di un carcinoma mammario includono:

Una o più masse palpabili sotto la pelle nella zona dello stomaco

L’area interessata si sentirà calda al tatto o potrebbe essere dolorosa in alcuni casi

FATTORI DI RISCHIO
“Esiste un rischio maggiore di sviluppare questi tumori nei gatti sterilizzati dopo un anno di età”, afferma il dott. Lachowicz.

È stato anche scoperto che i gatti siamesi hanno un rischio doppio per questo tipo di cancro rispetto ad altre razze, ma la ragione di ciò è ancora sconosciuta.

TRATTAMENTO
Il trattamento di un tumore mammario dipenderà dal fatto che il tumore abbia o meno metastatizzato. Se il tumore si è diffuso ad altre parti del corpo, il trattamento sarebbe principalmente la chemioterapia.

Se catturato in anticipo, e il tumore è ancora confinato alle ghiandole mammarie, è possibile eseguire una mastectomia (rimozione di una o entrambe le catene delle ghiandole mammarie e dei tessuti sottostanti).

SINTOMI GENERALI DI CANCRO NEI GATTI
I sintomi variano in base al paziente e al tipo di tumore e possono manifestarsi a ritmi diversi nei gatti.

“Possono essere graduali e progredire nell’arco di settimane o mesi o più acuti e rapidi. Qualsiasi modifica nuova o in corso dovrebbe essere valutata dal veterinario di conseguenza “, afferma il dott. Lachowicz.

Cerca anche i sintomi gastrointestinali: “Presta attenzione a ciò che si trova nella lettiera, ai cambiamenti nella consistenza, nel colore e nell’odore delle feci, così come nella produzione di urina”, afferma il Dr. Arteaga.

Tieni presente che questi sintomi non indicano necessariamente il cancro. Solo il tuo veterinario può fare una diagnosi corretta.

DIAGNOSI DEL CANCRO NEI GATTI
I veterinari si affidano a molti degli stessi strumenti diagnostici utilizzati nella medicina umana, tra cui analisi del sangue, radiografie, ultrasuoni, risonanze magnetiche, scansioni di gatti e scansioni di animali domestici.

“Le cellule possono essere ottenute aspirando una massa o un tumore con un ago – o valutando il sangue intero in caso di leucemia – e analizzate mediante citologia, che è un’analisi microscopica delle cellule”, afferma il dott. Lachowicz.

L’aspirazione può essere eseguita su masse a livello della pelle, sotto la pelle (sottocutanea) o negli organi interni, purché la massa sia facilmente raggiungibile con un ago lungo. Di solito queste aspirazioni vengono eseguite con un’ecografia addominale da un veterinario addestrato per evitare lesioni interne.

In alternativa, o in aggiunta alla citologia, un campione di tessuto può essere ottenuto chirurgicamente per istopatologia (biopsia) “, afferma il dott. Lachowicz.

La biopsia di solito richiede sedazione e richiede un campione di tessuto molto più grande per la valutazione.

TRATTAMENTI GENERALI PER IL CANCRO NEI GATTI
I gatti di solito sono in ritardo rispetto ai cani per i nuovi protocolli di trattamento del cancro. Tuttavia, “con ciò che è disponibile per noi, abbiamo buone opzioni e, a seconda del cancro, è ben tollerato”, afferma il dott. Lachowicz.

Alcune forme di tumore felino maligno, ad esempio, possono essere curate con un intervento chirurgico, con o senza l’uso della radioterapia. Altri, come il linfoma, possono essere trattati con successo con la chemioterapia, dice.

“I gatti tendono a fare molto bene con il trattamento su tutta la linea. Si riprendono bene dall’intervento chirurgico se si tratta di un caso chirurgico. Con le radiazioni, gli effetti collaterali nei gatti sono molto meno gravi nella maggior parte dei casi. In chemioterapia hanno lievi effetti collaterali: il 90% delle volte avranno effetti collaterali minimi o nulli e, nei casi in cui hanno effetti collaterali, saranno lievi. Quelli che saranno moderati sono meno del 10% “, afferma il dott. Lachowicz.

GESTIRE IL CANCRO FELINO
“La nostra attenzione in oncologia veterinaria è sempre la qualità della vita, prima di tutto, piuttosto che se possiamo prolungare la vita dell’animale. Quindi ne siamo molto coscienti “, afferma il dott. Lachowicz.

Con questo in mente, una grande sfida è curare un gatto a casa. “Esistono diverse malattie croniche che richiederanno farmaci orali a lungo termine e questo può essere impegnativo. Passa così tanto tempo a renderlo fattibile, che va dai farmaci composti in sapori gustosi a dosi più concentrate, quindi la quantità è inferiore “, afferma il Dr. Arteaga.

Trovare un team di oncologia veterinaria a proprio agio con i gatti è importante, dice. “Un sacco di pensiero deve essere messo nello stress da stress in ospedale, [cercando di rimanere in regime ambulatoriale, [offrendo] camere tranquille e tranquille e molte prelibatezze, e [dando] obiettivi realistici ai proprietari.”

RIDUZIONE DEI RISCHI DI CANCRO FELINO
È essenziale incorporare pratiche che aiutino a ridurre i rischi di cancro felino; per esempio, una buona dieta, esercizio fisico, basso stress ed evitamento del fumo passivo, afferma il Dr. Arteaga. Inoltre, “Sii diligente riguardo agli appuntamenti veterinari annuali e agli esami biennali quando un gatto è più grande, come spesso la malattia verrà catturata prima”.

Errare sempre dal lato della sicurezza e superare eventuali nuovi sintomi con il veterinario. L’intervento precoce è spesso la chiave per curare efficacemente il cancro nei gatti e migliorare la loro qualità di vita.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...