Animali

Cane: terapia enzimatica sostitutiva per EPI

L’insufficienza pancreatica esocrina (EPI) è una condizione in cui il corpo di un animale non può produrre abbastanza enzimi digestivi per abbattere correttamente il cibo. Poiché il cibo non viene scomposto, l’animale non è in grado di assorbire i nutrienti e passa attraverso il corpo non digerito. Questo è il motivo per cui la malattia viene talvolta chiamata sindrome da maldigestione.

Il gatto o il cane colpito sta essenzialmente morendo di fame, anche se sta mangiando voracemente. L’animale emetterà feci maleodoranti, sciolte e di colore chiaro e perderà peso rapidamente. A volte le feci possono contenere sangue nei gatti con EPI. Il corpo si deteriora rapidamente (atrofia) e il mantello diventa opaco e sottile.

Causa e diagnosi di EPI
Il motivo per cui l’animale non è in grado di produrre gli enzimi digestivi necessari è dovuto a un malfunzionamento del pancreas. Questo piccolo organo è responsabile della produzione e della conservazione di importanti enzimi responsabili della scomposizione di proteine, amido e grassi nel cibo che l’animale mangia. Se il cibo non viene scomposto e reso disponibile per l’assorbimento, l’animale non può ottenere i nutrienti di cui ha bisogno per sopravvivere.

Esistono diverse potenziali cause di danno al pancreas, come il cancro, un’infezione o una condizione ereditaria che fa sì che il pancreas inizi a spegnere le cellule in tenera età. Questa condizione genetica è più comunemente osservata nei cani da pastore tedesco. Anche i gatti possono essere colpiti dall’EPI, ma non così comunemente come i cani.

La condizione viene diagnosticata attraverso esami del sangue e fecali per i livelli di specifici enzimi digestivi. I segni clinici sono indicatori molto forti di questa malattia e aiuteranno il tuo veterinario a fare una diagnosi. Si pensa che una grande quantità di pancreas (90%) debba essere danneggiata prima che i segni inizino a svilupparsi in un animale.

Integrazione con prodotti enzimatici
Cani e gatti con questa condizione richiedono cure per tutta la vita. L’integrazione orale della dieta con sostituti enzimatici è una parte importante del trattamento. Una volta che viene fatta una diagnosi corretta e inizia la supplementazione di enzimi, il tuo animale domestico dovrebbe iniziare a migliorare rapidamente.

Trovare il dosaggio corretto della sostituzione enzimatica richiederà tempo e la quantità somministrata ad ogni pasto può essere ridotta lentamente fino a trovare la quantità minima necessaria per mantenere il controllo. La forma più efficace di integrazione enzimatica è un prodotto in polvere, ma sono disponibili anche compresse.

Le polveri vengono solitamente mescolate al cibo, mentre le compresse vengono somministrate 30 minuti prima di un pasto. Le polveri devono essere ben miscelate con il cibo e inumidite con acqua. Si consiglia di lasciare “incubare” l’enzima sostitutivo per alcuni minuti prima della somministrazione. I prodotti sostitutivi sono disponibili solo su prescrizione veterinaria e possono essere piuttosto costosi.

La fonte della maggior parte dei prodotti sostitutivi enzimatici veterinari è il tessuto pancreatico liofilizzato macinato di una mucca o di un maiale. Le ghiandole pancreatiche vengono rimosse durante la lavorazione della carne e vendute ad aziende che producono sostituti enzimatici. Il tessuto contiene gli enzimi presenti in natura che il cane o il gatto non è in grado di produrre nel proprio corpo.

Se sei disposto ad acquistare e utilizzare pancreas fresco, puoi usare pancreas di vacca crudo tritato al posto delle compresse o dei prodotti enzimatici in polvere. Un dosaggio accurato può essere difficile con il pancreas crudo e deve essere conservato congelato per assicurarsi che l’attività degli enzimi venga mantenuta.

Anche formulazioni umane e prodotti sintetici possono essere una potenziale fonte di sostituzione enzimatica per il tuo animale domestico. Il tuo veterinario può aiutarti a decidere il miglior prodotto possibile per aiutare il tuo gatto o cane a controllare i sintomi dell’EPI. Altre considerazioni sul trattamento per gli animali con EPI includono ulteriori alterazioni dietetiche e il possibile trattamento della causa principale della malattia pancreatica (quando diagnosticata).

A cani e gatti trattati con la giusta dose degli integratori corretti può essere data una buona prognosi a lungo termine. In effetti, anche se il recupero completo dall’EPI è raro, gli animali generalmente si comportano bene con cure adeguate.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...