Animali

Come insegnare a un cane a venire da te in qualsiasi ambiente

Non importa dove siamo, vogliamo che i nostri cani ci ascoltino. In questo articolo, ci concentreremo sull’accompagnamento del tuo cane in qualsiasi ambiente. Ma per farlo, ci sono alcuni principi base di addestramento del cane che dobbiamo capire.

Sebbene le leggi dell’apprendimento siano universali per tutti gli animali, molti hanno ancora difficoltà a far venire il loro cane da loro in qualsiasi ambiente. Approfondiamo il segnale “vieni” o “richiama”.

Perché è difficile insegnare a un cane a venire?
Perché l’addestramento al richiamo del cane è così sfuggente per molti genitori di animali domestici? La mia supposizione è che un fattore primario sia che i genitori di animali domestici (e gli addestratori) avvelenano il segnale associandolo accidentalmente (o qualsiasi segnale) a qualcosa che il cane percepisce come una punizione.

Ad esempio, supponi che al tuo cucciolo non piaccia il bagno. Al tuo cane potrebbe non piacere il bagno per molte ragioni. Potrebbe avere paura dell’acqua, dei suoni, degli odori, della temperatura dell’acqua o del bagno. In ogni caso, lei viene da te con entusiasmo ed eccitazione quando viene chiamata, e tu la prendi immediatamente in braccio e la fai cadere nella vasca.

Se richiami il tuo cane da una ricompensa a una “punizione”, avvelenerai qualunque indizio tu abbia usato. In questo caso, il tuo cane non verrà più da te quando lo chiami dentro dal cortile o dal parco per cani. Quante volte hai fatto qualcosa di simile a questo?

Come affrontare un segnale avvelenato
Ci sono alcuni modi in cui mi piace correggere una stecca avvelenata, ma il più semplice è semplicemente cambiare la stecca con una nuova. Ciò significa cambiare sia la parola che il linguaggio del corpo che abbiamo associato alla “punizione”.

Questa è anche un’ottima opportunità per praticare la consapevolezza. Il motivo per cui i segnali vengono avvelenati così spesso è perché i genitori e gli addestratori non sono consapevoli o consapevoli delle parole che stanno usando e delle loro conseguenze, viste dal punto di vista del cane.

Qualsiasi parola di una sola sillaba che ricorderai sarà sufficiente. Ad esempio, ho avuto clienti che usavano “Qui”, Ora” o “Tocca”. Mi piace usare il comando “Tocca”. Il tocco ha molti vantaggi ed è usato come base per molti comportamenti per attirare i cani sul posto.Il tocco è anche un semplice segnale di una sillaba.

Ancora più importante, non lo uso così spesso e senza pensare come mai. Questa piccola ma significativa differenza è molto importante.

Come usare il tocco come segnale di richiamo per far venire il tuo cane
Per poter utilizzare il nuovo segnale tattile invece di venire, non vogliamo che il nostro cane si avvicini semplicemente a noi, orbiti intorno a noi o sia vicino a noi. Invece vogliamo che il cane tocchi fisicamente la tua mano o il tuo dito, ecc.

Inizia a chiedere al tuo cane di toccarlo dopo che ha iniziato a giocare e si è impegnato in un’attività leggermente eccitante, magari giocando con un giocattolo che non è il suo preferito. Una volta che inizia a venire da te e a toccarti la mano, le offri immediatamente un delizioso trattamento per cani come ricompensa. Quindi, riprova quando sei lontano o fuori dalla vista e ripeti questo schema.

Quindi esercitati quando ci sono suoni che distraggono o esercitati con alcune porte aperte. Quindi spostati nel cortile o sul balcone, magari passando a un corridoio o a un ascensore. Integrerei anche la stecca tattile per i richiami quando si cammina al guinzaglio.

Offrire in modo spontaneo e imprevedibile lo spunto ed essere pronti a premiare immediatamente il tuo cane “prove” il comportamento e rende il tuo cane fluente con la pratica. L’elenco degli esercizi è infinito. Puoi creare qualsiasi scenario che ti piace, purché procedi lentamente e gradualmente.

Come esercitarsi a venire o toccare in ambienti diversi
Per prima cosa insegnerai al tuo cane a entrare in un ambiente familiare, sicuro, confortevole e senza distrazioni. Non usare mai la forza, la punizione, l’intimidazione o la coercizione per manipolare un cane. Quindi puoi introdurre durata, distanza e distrazione in ogni ambiente prima di usarli tutti in una volta. Quindi procedi gradualmente a scenari e ambienti di addestramento più difficili man mano che il cane diventa esperto in tutti e tre.

È fondamentale gestire efficacemente le ricompense del tuo cane. Immagina di essere il datore di lavoro del tuo cane. Non daresti a un dipendente $ 1.000 solo per aver digitato un promemoria, ma forse per completare compiti più difficili. In questo scenario, dobbiamo modificare quanto paghiamo il nostro cane (con premi alimentari di alto valore) per ogni esibizione di un comportamento.

È fondamentale conoscere la gerarchia delle ricompense del tuo cane prima di iniziare qualsiasi esercizio di obbedienza o addestramento del cane. Se non sai di che tipo di prelibatezze va matto il tuo cane, ora è un ottimo momento per scoprirlo. Altrimenti, come possiamo ricompensarli adeguatamente con la loro valuta preferita?

Se porti le noiose crocchette al parco per cani e ci sono un sacco di distrazioni, è meno probabile che il tuo cucciolo venga quando viene chiamato. Tuttavia, se li condisci con le loro prelibatezze preferite che offri solo in occasioni molto speciali, lasceranno perdere qualsiasi cosa stiano facendo e ti sprinteranno.

Se il tuo cane non ti sta prestando attenzione o non risponde, sei andato troppo oltre e troppo in fretta e l’ambiente potrebbe distrarlo troppo perché possa concentrarsi. Tuttavia, tieni presente che usare un segnale diverso come il tocco non sarà diverso dall’usare vieni se lo avvelena anche tu.

La nostra connessione e comunicazione sono fondamentali per un rapporto sano e prospero con i nostri animali domestici. I cani sono la nostra famiglia, proprio come qualsiasi altro membro, e li amiamo profondamente e senza condizioni. Comprenderli può rafforzare il nostro legame e la nostra connessione, il che rende l’esperienza bellissima.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...