Animali

Ernie nei cuccioli: cosa devi sapere

Come parte di ogni esame fisico del cucciolo, sento la pancia del cane per controllare ogni sorta di cose, come dolore, organi e masse ingrossati. Faccio scorrere le dita al centro vicino al loro ombelico cercando la chiazza rivelatrice di un’ernia ombelicale e vicino all’inguine controllando i noduli inguinali e li troviamo un po ‘.

Le ernie non sono rare nei cuccioli e si verificano in vari modi. La buona notizia è che la maggior parte sono facilmente curabili e spesso catturati in anticipo. Ecco cosa devi sapere:

Cos’è un’ernia?
Un’ernia si verifica quando gli organi addominali o il tessuto adiposo sporgono attraverso un punto debole nel muscolo o nel tessuto connettivo. La gravità dell’ernia dipende dalle dimensioni del difetto nella parete addominale. Nella sua forma più benigna, una piccola quantità di grasso addominale può fuoriuscire a intermittenza dal foro ed essere facilmente rimessa in gioco con una leggera pressione. Nella sua forma più grave, l’intestino o altri organi addominali possono passare attraverso il foro, comprimendo l’afflusso di sangue ed essenzialmente strangolando l’organo. In questi casi peggiori, le ernie possono diventare pericolose per la vita in un breve periodo di tempo. Sorprendentemente, anche le ernie di grandi dimensioni possono spesso essere trattate con successo se la diagnosi viene fatta prima che l’ernia sia compromessa.

Quali sono i diversi tipi di ernie osservati nei cuccioli?
Nei cuccioli, le ernie più comunemente osservate sono:

Ombelicale : la regione in cui l’ombelico ha attaccato il feto alla placenta della madre in utero, che tutti conosciamo come ombelico, dovrebbe chiudersi poco dopo la nascita. In alcuni casi la chiusura è incompleta, lasciando un foro nell’addome attraverso il quale il contenuto può erniare.

Inguinale : il canale inguinale è un’apertura nella zona dell’inguine attraverso la quale scendono i testicoli. Sia i maschi che le femmine hanno un canale inguinale e possono soffrire di ernie inguinali.

Diaframmatico : il diaframma è il grande strato di muscolo che separa la cavità toracica dall’addome. Mentre traumi e difetti congeniti possono causare difetti in qualsiasi punto lungo il diaframma, ci sono due sottotipi specifici di ernia diaframmatica che sono noti per verificarsi come difetti congeniti nei cuccioli:

Iatale : lo iato è un’apertura nel diaframma dove l’esofago, che trasporta il cibo dalla bocca allo stomaco, passa dal torace all’addome. Se l’apertura è più grande di quanto dovrebbe essere, lo stomaco può iniziare a gonfiarsi nella cavità toracica.

Peritoneopericardico : questo boccone di parola si riferisce a un’apertura tra il peritoneo (una membrana che riveste la cavità addominale) e il pericardio (il sacco che circonda il cuore). Ciò deriva da un problema embriologico durante lo sviluppo ed è la forma più comune di difetto pericardico congenito nel cane.

Che cosa causa l’ernia nei cani?
Le ernie possono essere congenite (il che significa che il cucciolo è nato con la condizione) o acquisite attraverso traumi, malattie o invecchiamento. Le ernie congenite sono la causa più comune riscontrata nei cani giovani. Possono essere il risultato di un problema spontaneo durante lo sviluppo o di un difetto genetico trasmesso da uno dei genitori.

Il trauma è l’altra causa comune di ernie nei cuccioli. Un trauma da forza contundente come l’essere colpiti da un’auto o qualsiasi tipo di colpo alla parete del corpo può causare una lacerazione nella parete addominale o nel diaframma, consentendo agli organi addominali di erniare.

Quali sono i segni di un’ernia nei cuccioli?
I segni di un’ernia variano a seconda della posizione e della gravità dell’ernia. In molti casi, con una piccola ernia non complicata costituita solo da una piccola quantità di grasso addominale, il proprietario potrebbe non accorgersi nemmeno di nulla o semplicemente sentire una piccola chiazza soffice nella regione dell’ombelico o dell’inguine. Man mano che l’ernia diventa più grande e più organi vitali vengono compromessi, i segni possono essere i seguenti:

Dolore

Vomito

Mancanza di appetito

Grande massa nell’addome o nell’inguine

Difficoltà a urinare

Tosse

Dispnea (difficoltà respiratorie)

Battito cardiaco irregolare

Come vengono diagnosticate le ernie?
Le ernie ombelicali e inguinali possono spesso essere diagnosticate con la palpazione durante un esame fisico, sebbene possa essere necessaria l’imaging per confermare se il contenuto dell’ernia include intestino o altri organi addominali.

Per le ernie che si aprono nella cavità toracica, sono necessari studi di imaging come i raggi X e gli ultrasuoni per determinare quali organi sono spostati e in quale misura.

Le ernie possono essere trattate?
Poiché l’ernia è essenzialmente un buco nella parete del corpo che non dovrebbe esserci, è indicato un intervento chirurgico per sostituire il contenuto dell’addome e riparare il difetto in modo che gli organi rimangano dove dovrebbero essere. Il successo della riparazione dipende dalle dimensioni del difetto, dal fatto che gli organi abbiano subito danni quando sono stati erniati e dalla salute generale dell’animale.

Nei casi di piccole ernie ombelicali in cui sporge solo il grasso, il veterinario può raccomandare di riparare l’ernia al momento della sterilizzazione o della sterilizzazione. Se l’ernia è grande o contiene organi addominali, l’intervento chirurgico dovrebbe essere effettuato il prima possibile per evitare danni agli organi o addirittura la morte. Il tuo veterinario può valutare il tuo animale domestico se sospetti che soffra di ernia e determinare la migliore linea d’azione.

Le ernie sono prevenibili?
In molti casi di ernie congenite, è impossibile prevedere quando e dove si verificheranno, sebbene alcune razze siano considerate predisposte a vari tipi di ernie. Ad esempio, mentre Shar-pei e bulldog inglesi hanno maggiori probabilità di avere ernie iatali, i Weimaraner sono sovrarappresentati nei casi di ernie peritoneopericardiche.

Gli animali che hanno qualsiasi forma di ernia congenita non dovrebbero essere allevati in quanto potrebbero trasmettere il difetto alla loro prole.

Sebbene le ernie possano essere angoscianti e talvolta anche pericolose per la vita, la maggior parte degli animali domestici con un’ernia che riceve una diagnosi tempestiva viene trattata con successo e continua a vivere una vita lunga e felice. Se trovi un gonfiore o una massa inaspettati sul tuo animale domestico, anche se al momento non sembra disturbarlo, non aspettare di farlo valutare. La diagnosi precoce è la chiave per risultati eccellenti.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...