Animali

I cani possono avere il disturbo bipolare?

Il tuo cane di solito è felice, amichevole, affettuoso e sempre pronto a fare un ottimo recupero seguito da una sessione di coccole. Ma poi, in alcuni giorni, si ritirerà o scatenerà una tempesta di corteccia arrabbiata senza una ragione apparente. È probabile che tu lo attribuisca a lui che si è svegliato dalla parte sbagliata della cuccia. Ma i cani possono effettivamente avere un disturbo bipolare proprio come gli umani?

La risposta: “Non esattamente”, dice il dott. Peter L. Borchelt, un consulente sul comportamento degli animali certificato dal consiglio di amministrazione con sede a Brooklyn, New York.

Il disturbo bipolare è “una condizione di salute mentale che provoca cambiamenti estremi nell’umore, nell’energia e nella capacità di funzionare di una persona”, secondo la International Bipolar Foundation. Le persone che vivono con una condizione bipolare sperimentano gli alti della mania e i minimi della depressione. Le emozioni di un cane non fluttuano drammaticamente dall’alto verso il basso e viceversa, dice Borchelt. Invece, i loro cambiamenti di umore sono spesso innescati da un fattore esterno. “Per un cane, non è che abbia una ragione biochimica per passare da uno stato all’altro, come fanno [le persone che vivono con disturbo bipolare]”, dice Borchelt. “È quasi sempre una risposta a qualcosa nel loro ambiente.”

Ad esempio, un cane potrebbe essere amichevole e affettuoso con i membri della sua famiglia, ma poi una volta che uno sconosciuto entra in scena, quello stesso cane può improvvisamente avere paura, aggressività o paura. “Quindi, è un cambio di polarità, per così dire”, dice Borchelt, ma non è paragonabile agli episodi maniacali e depressivi che le persone con disturbo bipolare sperimentano.

Pensa in questo modo: dì che di solito hai una disposizione calda e positiva, ma hai estremamente paura dei ragni. Quindi, quando vedi un ragno inquietante che striscia nella tua stanza, all’improvviso ti spaventi e torni al tuo stato d’animo normale solo dopo aver rimosso l’insetto (o corri urlando e chiedi a qualcun altro di gestirlo). Non è un segno di disturbo bipolare, dice Borchelt, è solo un cambiamento temporaneo dell’umore causato da un determinato fattore scatenante.

Sebbene i cani abbiano la stessa chimica cerebrale di base e le stesse strutture degli esseri umani, i loro problemi di comportamento e di salute mentale probabilmente non si manifestano allo stesso modo, principalmente a causa delle differenze linguistiche e cognitive, afferma Trish McMillan Loehr, addestratore di cani certificato e consulente del comportamento dei cani. a Weaverville, nella Carolina del Nord. “Non possiamo ancora hackerare il cervello dei cani e sapere cosa stanno pensando”, dice, “ma sospetto che i cani non possano rimuginare sugli stessi tipi di pensieri tristi che fanno le persone depresse”.

Ma gli eventi emotivi, come l’arrendersi a un rifugio o la morte di un amico, possono causare cambiamenti comportamentali nei cani che sono coerenti con la depressione, aggiunge Loehr. Un cane può smettere di mangiare, camminare su e giù o apparire nervoso o sottomesso. “I cani hanno la maggior parte delle stesse emozioni degli umani e possono mostrare comportamenti che assomigliano in qualche modo alla depressione negli esseri umani”, dice. “E possono certamente provare ansia.”

Quindi, cos’altro può indurre il tuo cane a cambiare umore? Molte cose. Usiamo l’esempio di un nuovo visitatore che entra nella casa di famiglia: “Se quella persona entra nel territorio del tuo cane e lui o lei è troppo turbolenta, potrebbe rendere il tuo cane spaventato o aggressivo”, dice Borchelt.

“Quello che vediamo molto è che il cane si calmerà quando si scalda con lo sconosciuto”, continua, “ma quando la persona fa un rapido movimento per alzarsi, il cane impazzirà e abbaia perché pensa che stia inseguendo il loro proprietario. Questo è un passaggio improvviso da amichevole a difensivo “.

Il tuo cane potrebbe essere eccessivamente protettivo nei confronti della sua (e della tua) casa, e quindi potrebbe abbaiare quando avverte una minaccia, come quel fastidioso campanello che suona quando il ragazzo FedEx lascia un pacco. O forse è un problema occasionale di dominanza, Borchelt dice: “Potrebbe non volere che tu lo interrompa mentre sta mangiando, o che lo svegli mentre dorme”, dice. “Ma puoi quasi sempre trovare questo trigger esterno. Non puoi fare lo stesso con [persone che vivono con disturbo bipolare], poiché è qualcosa di interno “.

Il primo passo è identificare quel fattore scatenante, dice Borchelt. Una volta individuata la causa degli sbalzi d’umore del tuo cucciolo, hai due strategie per modificare il suo comportamento. Il primo è un metodo chiamato desensibilizzazione.

Diciamo che il tuo compagno canino impazzisce ogni volta che c’è un brutto temporale. Per stroncarlo sul nascere, potresti acquistare un CD di effetti sonori meteorologici e riprodurre la traccia del tuono a un volume basso in modo da fare un piccolo suono per attirare l’attenzione del tuo cane, ma non spaventarlo. Quindi, finché il tuo cane rimane calmo, “continui a farlo in modo da aumentare gradualmente il livello del suono”, dice Borchelt. “In questo modo farai abituare il tuo cane alla cosa che lo spaventa.”

La seconda strategia si chiama controcondizionamento. “È qui che si introduce uno stimolo positivo per contrastare quello negativo”, afferma Borchelt. Il tuo cane odia il campanello? Prova il trucco di Borchelt: premi delicatamente il pulsante in modo che il tuo cane senta il primo “ding”, dagli un bocconcino per calmarlo, attendi alcuni istanti, quindi togli lentamente il dito dal pulsante in modo che il cicalino finisca. Ripeti gradualmente in modo che il tuo cane impari ad associare il suono fastidioso a qualcosa di positivo.

Dovresti consultare un comportamentista e il tuo veterinario per determinare la migliore linea d’azione, ma un’altra opzione di trattamento sono i farmaci per cani , dice Borchelt. “I farmaci che spesso funzionano meglio per i cani ansiosi sono gli SSRI come Prozac e Zoloft”, dice. “Sono poco costosi e funzionano molto bene per certi tipi di comportamenti. Ma prima devi parlare con il tuo veterinario. ” Inoltre, tieni presente che i farmaci spesso non sono una soluzione da soli: funzionano meglio in combinazione con strategie di desensibilizzazione e contro-condizionamento.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...