Animali

I cani possono avere la sindrome di Down?

Chiunque abbia trascorso abbastanza tempo con i cani comprende la compatibilità tra la specie canina e quella umana. Per parafrasare Forrest Gump, “stiamo insieme come piselli e carote”. Ciò che rende la partnership uomo-cane così perfetta è la nostra combinazione unica di somiglianze e differenze.

Ma a volte le nostre somiglianze hanno un lato oscuro, come le malattie che colpiscono sia i cani che le persone. Questi includono alcuni tipi di cancro, diabete, epilessia e insufficienza cardiaca congestizia per citarne solo alcuni. La sindrome di Down è un’anomalia cromosomica comune nelle persone. La domanda che segue naturalmente è “I cani possono avere la sindrome di Down?”

Cos’è la sindrome di Down?
Per rispondere a questa domanda, dobbiamo prima capire cos’è la sindrome di Down. La National Down Syndrome Society fornisce una buona spiegazione:

In ogni cellula del corpo umano c’è un nucleo, dove il materiale genetico è immagazzinato nei geni. I geni portano i codici responsabili di tutti i nostri tratti ereditari e sono raggruppati lungo strutture simili a bastoncelli chiamate cromosomi. Tipicamente, il nucleo di ogni cellula contiene 23 coppie di cromosomi, metà dei quali sono ereditati da ciascun genitore. La sindrome di Down si verifica quando un individuo ha una copia extra totale o parziale del cromosoma 21.

Quali sono i sintomi della sindrome di Down?
La presenza di questo materiale genetico extra può avere una vasta gamma di effetti. Le persone con sindrome di Down hanno un certo grado di compromissione intellettuale, ma questo può variare ampiamente da individuo a individuo. Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), alcune delle caratteristiche fisiche comuni della sindrome di Down includono:

  • Un viso appiattito, in particolare il ponte del naso
  • Occhi a mandorla che si inclinano verso l’alto
  • Un collo corto
  • Orecchie piccole
  • Una lingua che tende a sporgere dalla bocca
  • Piccole macchie bianche sull’iride (parte colorata) del occhio
  • Mani e piedi piccoli
  • Una singola linea sul palmo della mano (piega palmare)
  • Dito mignolo piccolo che a volte si curva verso il pollice
  • Scarso tono muscolare o articolazioni sciolte
  • Altezza più corta da bambini e adulti

Le persone con sindrome di Down possono anche avere una serie di problemi medici. Il CDC segnala questi come i più comuni:

  • Perdita dell’udito (può essere colpito fino al 75% delle persone con sindrome di Down)
  • Apnea ostruttiva del sonno, una condizione in cui la respirazione della persona si interrompe temporaneamente durante il sonno (tra il 50 e il 75%)
  • Infezioni dell’orecchio (tra il 50 e il 70% )
  • Malattie degli occhi (fino al 60%), come cataratta e problemi agli occhi che richiedono occhiali
  • Difetti cardiaci presenti alla nascita (50%)

I cani possono avere la sindrome di Down?
Determinare se i cani possono avere la sindrome di Down dipende da come guardi la domanda. Il CDC stima che circa 1 bambino su 700 nati negli Stati Uniti abbia la sindrome di Down. Lo stesso non si può certo dire dei cani. Se la sindrome di Down si verifica nei cani, è un evento molto più raro.

Geneticamente, i cani e le persone hanno molte somiglianze ma ovviamente esistono differenze importanti. Ad esempio, le persone hanno 23 serie di cromosomi mentre i cani ne hanno 39. Pertanto, la duplicazione di tutto o parte del cromosoma 21 avrebbe effetti diversi nelle due specie. È interessante notare che gli scienziati utilizzano topi geneticamente modificati come modelli animali nella ricerca sulla sindrome di Down. Questi topi portano una porzione extra del loro cromosoma 16, che trasporta geni paragonabili a quelli inclusi nel cromosoma umano 21. Il risultato è un topo che ha alcune caratteristiche simili alla sindrome di Down umana. Tieni presente, tuttavia, che questi non sono topi presenti in natura; sono stati geneticamente modificati.

Anche ampliando la definizione di sindrome di Down canina per includere qualsiasi duplicazione genetica che si traduca in anomalie cliniche simili a quelle osservate nelle persone con sindrome di Down, la condizione semplicemente non è stata descritta nei cani. Sono possibili tre spiegazioni:

  • Questi tipi di anomalie cromosomiche in genere portano alla morte precoce nei cani.
  • Il test genetico necessario per identificare i cani con sindrome di Down semplicemente non viene eseguito.
  • La condizione davvero non esiste.

Condizioni che assomigliano alla sindrome di Down nei cani
D’altra parte, le condizioni congenite o di sviluppo vengono diagnosticate di routine nei cani che hanno alcune somiglianze cliniche con la sindrome di Down. L’ipotiroidismo congenito è un buon esempio. È causato da livelli bassi o assenti di ormone tiroideo alla nascita e all’inizio della vita, il che si traduce in una combinazione di quanto segue:

  • Crescita lenta con conseguente bassa statura
  • Testa larga
  • Lingua grande e sporgente
  • Arti corti
  • Andatura anormale
  • Scarso tono muscolare
  • Ottusità mentale
  • Apertura ritardata degli occhi e delle orecchie
  • Eruzione ritardata dei denti

Altre condizioni che potrebbero essere confuse con la sindrome di Down nei cani includono nanismo ipofisario, idrocefalo congenito, deficit dell’ormone della crescita e shunt portosistemico.

Se pensi che il tuo cane possa avere una condizione come la sindrome di Down, parla con il tuo veterinario. Lui o lei può raccomandare un piano diagnostico appropriato e formulare raccomandazioni sul trattamento una volta che la diagnosi è in atto.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...