Animali

I cani sono consapevoli delle loro azioni? Gli scienziati dicono di si

Un nuovo studio suggerisce che i cani, come gli esseri umani, sono consapevoli di sé e probabilmente comprendono le conseguenze delle loro azioni.

I risultati, pubblicati giovedì sulla rivista Scientific Reports , dicono che i cani sono in grado di mostrare la “consapevolezza del corpo”, una manifestazione di autorappresentazione.

L’autorappresentazione è un concetto che descrive come ti vedi e l’immagine che hai di te stesso nella tua mente – una costruzione della tua identità.

Parte di questo concetto è “consapevolezza del corpo” o “consapevolezza di sé” fisica – un riconoscimento di come il tuo corpo si relaziona fisicamente a uno spazio. Lo studio ha affermato che i bambini di appena cinque mesi sono in grado di riconoscere le loro gambe in movimento su video come esempio.

“La consapevolezza del corpo, che è ‘la capacità di tenere in mente le informazioni sul proprio corpo, come un oggetto esplicito, in relazione ad altri oggetti nel mondo’ può essere considerata come uno dei mattoni fondamentali della rappresentazione di sé”, il dice lo studio.

E mentre è generalmente accettato che la maggior parte delle specie possieda un senso fondamentale di percezione di sé, la “consapevolezza del corpo” è un tratto distintamente applicato agli esseri umani, e gli scienziati hanno cercato di scoprire se anche gli animali lo possiedono.

I cani hanno un ampio “resoconto ben collaudato di abilità cognitive complesse”, come l’empatia e l’apprendimento sociale, che li rende un soggetto di ricerca ideale, afferma lo studio.

Gli scienziati hanno testato 54 cani mettendoli su un piccolo tappetino e dando loro i comandi per raccogliere e dare un oggetto al loro proprietario. Gli oggetti erano attaccati al tappetino o al terreno sotto il tappetino nelle condizioni di prova.

Nel primo test, i ricercatori hanno attaccato una palla al tappetino e hanno chiesto al cane di dare la palla al loro proprietario. Poiché la palla era attaccata al tappetino, il cane non sarebbe stato in grado di portare la palla al proprietario a meno che non fosse sceso prima dal tappeto.

Molti dei cani si sono resi conto del problema e sono scesi dal materassino per completare il compito, mostrando un senso di “consapevolezza del corpo”, afferma lo studio.

Nel secondo test, i ricercatori hanno attaccato la palla a terra sotto il tappeto e hanno dato al cane l’ordine di dare la palla al loro proprietario. Questo era per verificare se i cani capissero la differenza tra “c’è un ostacolo” e “il corpo è l’ostacolo”.

Quando la palla era attaccata al suolo, i cani lasciavano il tappeto meno frequentemente, il che lo studio suggerisce che i cani riconoscono quando il loro corpo è o non è un ostacolo al comando che gli è stato dato.

I ricercatori affermano che i cani hanno mostrato “la prima prova convincente della consapevolezza del corpo attraverso la comprensione delle conseguenze delle proprie azioni in una specie in cui in precedenza non era stata trovata alcuna capacità di autorappresentazione di ordine superiore”.

I ricercatori hanno affermato che lo studio ha anche dimostrato che i cani potrebbero essere in grado di registrare la propria azione e le conseguenze di esse e separarli da altri stimoli esterni.

I ricercatori ritengono che le loro scoperte li aiuteranno a testare la “consapevolezza del corpo” in altre specie animali andando avanti

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...