Animali

Il cibo per cani senza cereali causa malattie cardiache?

Negli ultimi anni, i veterinari hanno notato un aumento dei casi di ingrossamento del cuore nei cani. Chiamata anche cardiomiopatia dilatativa (DCM), è una condizione cardiaca grave e spesso fatale.

Indagine della FDA su cibo per cani senza cereali e malattie cardiache
Molti dei casi di DCM hanno coinvolto cani che sono stati nutriti con diete prive di cereali, suggerendo che la dieta può svolgere un ruolo in questa malattia. Questa tendenza allarmante ha portato la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ad avviare un’indagine per stabilire se la dieta e altri fattori stiano mettendo gli animali a rischio di sviluppare DCM.

Da allora la FDA ha rilasciato una serie di rapporti che riassumono i risultati dell’indagine. Forse ti starai chiedendo cosa significano questi risultati per i tuoi animali domestici e quali alimenti sono sicuri per nutrirli.

Le diete senza cereali fanno male ai cani? Qual è la causa del recente focolaio di casi DCM? Sebbene l’indagine della FDA sia ancora in corso, ecco cosa devi sapere e cosa puoi togliere dalle ultime notizie su questa grave malattia.

Cos’è la cardiomiopatia dilatativa?
Il DCM è una condizione cardiaca caratterizzata da un aumento delle dimensioni del cuore e da un assottigliamento del muscolo cardiaco. Questi cambiamenti indeboliscono la capacità del cuore di pompare il sangue, quindi la malattia tende ad essere progressiva e alla fine porta all’insufficienza cardiaca.

La cardiomiopatia dilatativa può colpire sia cani che gatti. Il DCM canino si è tradizionalmente riscontrato nei cani di mezza età e anziani, in particolare nei cani di taglia grande e gigante, come il doberman , l’ alano e l’ irlandese Wolfhound . Poiché alcune razze sono suscettibili, ciò aveva suggerito che la malattia avesse una causa genetica.

Ma nei gatti, il DCM è causato da una carenza di taurina, un amminoacido che non può essere sintetizzato dall’organismo e deve essere ottenuto con la dieta. Una volta che i ricercatori hanno scoperto che la bassa taurina era la causa del DCM felino , i produttori hanno iniziato ad aggiungere taurina agli alimenti per gatti commerciali per garantire che i gatti ricevessero quantità adeguate. Di conseguenza, il DCM felino è ora molto raro. Ciò solleva la questione se la dieta giochi nella possibilità di un cane di sviluppare DCM.

La causa del DCM nei cani è la dieta?
Negli ultimi anni, il DCM si è verificato più frequentemente nei cani rispetto a prima. E invece di prendere di mira solo le razze di grandi dimensioni, questi casi più recenti stanno interessando un’ampia varietà di razze, compresi i cani che non erano stati considerati ad alto rischio di DCM. Ciò suggerisce che un fattore diverso dalla genetica sta causando la malattia in questi animali domestici.

In risposta, la FDA ha collaborato con laboratori diagnostici, cardiologi veterinari e nutrizionisti per indagare sui recenti casi di DCM nei cani. Hanno richiesto che i veterinari segnalassero qualsiasi caso di DCM canino o felino alla FDA.

Finora sono stati segnalati 560 cani con DCM e la FDA sta utilizzando questi casi per cercare eventuali tendenze che potrebbero aver preso in considerazione la malattia. In particolare, si stanno concentrando su esami del sangue, risultati diagnostici (come sintomi e misurazioni dell’ecocardiogramma) e dieta, nonché altri fattori.

La ricerca punta a diete prive di cereali?
A differenza della forma genetica del DCM, i recenti casi di DCM hanno interessato un’ampia gamma di età e razze canine, dai cuccioli ai cani più anziani. Le razze più comunemente segnalate con DCM hanno incluso Golden Retriever , Labrador Retriever e razze miste.

Quando la FDA ha esaminato i fattori dietetici, ha scoperto che oltre il 90% dei cani con DCM veniva nutrito con diete elencate come “senza cereali” o “senza cereali”.

Invece dei cereali, queste diete contenevano piselli e / o lenticchie come ingredienti principali. Una percentuale inferiore delle diete elencava anche patate o patate dolci come ingrediente principale.

I ricercatori hanno esaminato molti altri componenti nelle diete, come fonte di proteine, minerali, carboidrati e amidi, ma nessuno di questi altri componenti ha avuto tendenza con lo sviluppo della malattia.

Vale anche la pena notare che, secondo la FDA, le diete dei cani nei casi segnalati avevano “alte concentrazioni / rapporti di alcuni ingredienti come piselli, ceci, lenticchie e / o vari tipi di patate”, che è tipico del grano- Tra questi casi erano rappresentate anche diete libere, ma anche diete che contenevano cereali.

Il ruolo della taurina nel DCM canino
Gli investigatori hanno anche esaminato il basso livello di taurina come possibile causa dei casi recenti. Finora, questi risultati sono stati inconcludenti. Poco meno della metà dei cani testati nel rapporto erano carenti di taurina, mentre la restante metà aveva livelli normali di taurina.

Altri studi, tuttavia, suggeriscono che la taurina può svolgere un ruolo più importante nel DCM, specialmente per alcune razze di cani. Uno studio ha rilevato che 24 Golden Retriever con DCM avevano una bassa taurina e la maggior parte dei cani era nutrita con diete prive di cereali prima della diagnosi.

Fortunatamente, la malattia cardiaca si è risolta per quasi tutti i cani dopo aver ricevuto farmaci cardiaci e integratori di taurina e passati a una dieta inclusiva di cereali.

Sono coinvolti altri fattori?
Finora, la più grande scoperta del rapporto della FDA è che quasi tutti i cani con DCM sono stati nutriti con diete prive di cereali. Ciò suggerisce un forte legame tra cibi senza cereali e malattie cardiache in questi animali domestici.

La FDA non ha ancora determinato il meccanismo esatto di come si forma la malattia. Per coprire tutte le basi, la FDA e le agenzie partner stanno continuando a ricercare tutti i possibili fattori, come la genetica, l’esposizione a metalli pesanti e altre tossicità, che potrebbero contribuire allo sviluppo del DCM.

È sicuro nutrire una dieta priva di cereali?
Lo studio della FDA sul DCM nei cani è ancora in corso e nella loro pagina di domande e risposte affermano:

“In questo momento, non stiamo suggerendo cambiamenti dietetici basati esclusivamente sulle informazioni che abbiamo raccolto finora.”

Ma se hai dubbi sull’alimentazione di diete con determinati ingredienti, il tuo veterinario può aiutarti a determinare gli alimenti più appropriati per le esigenze individuali del tuo animale domestico.

Sebbene le diete per animali senza cereali siano diventate popolari negli ultimi anni, è importante tenere presente che la sensibilità e le allergie ai cereali sono in realtà molto rare negli animali domestici, rispetto agli esseri umani. Quindi la maggior parte degli animali domestici non richiede una dieta priva di cereali.

Indipendentemente dalla dieta che stai alimentando, se il tuo animale domestico mostra segni di problemi cardiaci, come tosse, difficoltà respiratorie, debolezza o collasso, dovresti contattare il tuo veterinario il prima possibile.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...