Animali

Il tuo cane può leggere la tua mente?

Il migliore amico dell’uomo.

Questo è più che roba da letteratura, film e biglietti di auguri. Per migliaia di anni, i cani hanno lasciato un segno indelebile nella nostra cultura e storia, non solo graffiandoci le porte o masticando le nostre scarpe, ma manovrando la loro strada nei nostri cuori e menti collettivi.

I nostri compagni canini sono diventati più che animali domestici, sono una famiglia. Sembra che vogliano confortarci quando siamo tristi, proteggerci quando siamo spaventati, giocare con noi quando siamo felici e trascorrere il resto del loro tempo al nostro fianco, pronti a rispondere a qualsiasi emozione o situazione potremmo sperimentare. Ma la domanda rimane: il tuo cane può leggere nella tua mente?

Non sorprende che i cani siano stati tra i primi animali ad essere addomesticati dall’uomo. Inchiodare esattamente quando è successo è difficile. La dottoressa Jennifer Coates, consulente veterinaria di petMD, afferma: “a seconda della ricerca che si guarda, le origini dell’addomesticamento del cane potrebbero essere avvenute 15.000, 20.000 o più di 30.000 anni fa”.

I primi compagni canini erano simili a lupi, ma alla fine si sono evoluti nelle razze di oggi attraverso l’addomesticamento e l’allevamento intenzionale. Le prime “ossa di cane” (al contrario di resti che erano chiaramente lupi) sono state portate alla luce in tutta l’Asia e in Europa, suggerendo che questa attività di vivere accanto ai cani era abbastanza diffusa in tutto il mondo. Chiaramente, questo addomesticamento era ugualmente vantaggioso per i cani e per l’umanità.

Come animali da soma, i cani hanno partecipato sin dall’inizio a una gerarchia sociale, che ha permesso loro di adattarsi bene alla società umana. Il dottor Coates afferma che “gli studi hanno dimostrato che i cani sono in grado di prendere decisioni in base al linguaggio del corpo umano, ai comandi verbali e al fatto che vengano osservati o meno. Questo è, in parte, innato ma anche rafforzato da ripetute interazioni con le persone “. Quindi, i comportamenti che potremmo chiamare erroneamente “lettura della mente” o, per lo meno, empatia, sono semplicemente il modo in cui i cani interagiscono con il mondo esterno, compresi i loro proprietari.

Quando si tratta di rispondere al comportamento umano, i cani impiegano un triplice metodo: spunti, contesto ed esperienza. I cani amano le espressioni della varietà non verbale. In questi casi, i cani hanno la capacità di anticipare e interpretare le nostre intenzioni, piuttosto che affidarsi strettamente ai comandi verbali. Cose come gesticolare, indicare o anche solo guardare un oggetto o una situazione danno ai cani indizi su ciò che abbiamo in mente. Molto prima di prendere un asciugamano, fare un bagno o prendere le chiavi della macchina per una visita dal veterinario, i tuoi cani potrebbero essersi resi scarsi.

Al rialzo, un cane che vede il suo proprietario fare per quel guinzaglio appeso nell’armadio o afferrare un giocattolo preferito è innescato e pronto per una bella passeggiata o una sessione di gioco. Anche se stai solo aprendo una lattina di stufato di manzo per il tuo pranzo, quelle orecchie (e naso) canini continueranno a drizzarsi e quella saliva inizierà a fluire. Ciò che conta è il contesto e le esperienze che il cane associa a queste attività.

Il dottor Adam Denish del Rhawnhurst Animal Hospital in Pennsylvania afferma che tutto dipende dai cinque sensi.

“Come proprietario di un cane, vedo i cani reagire a molte cose: il tono, l’inflessione e il grado di empatia ed emozione nella nostra voce, e credo anche allo sguardo sui nostri volti. I cani hanno gli stessi sensi che abbiamo noi. Tuttavia, alcuni, come l’odore, sono migliori dei nostri. Il grado di comprensione o meno di ciò che vogliamo che facciano è una domanda su cui molti hanno riflettuto. Come veterinario, credo che i cani abbiano un intelletto. Credo inoltre fermamente che l’intelligenza sia specifica della razza ed è governata dalla genetica e da un po ‘di formazione e socializzazione. ”

Quando si tratta di cani che sono in grado di scandagliare le profondità della condizione umana, un caso continua ad essere il più sconcertante: la capacità di un cane di rilevare la malattia.

Dimentica di essere in grado di interpretare e reagire alle parole, alle azioni o al linguaggio del corpo del loro proprietario, il che non è un’impresa da poco, ancora più impressionante è la capacità di un cane di fiutare i tumori della vescica, della prostata, del colon-retto, del polmone e della mammella, tra le altre condizioni. Con l’allenamento e l’esposizione all’alito e agli odori di urina associati a una malattia, i cani hanno dimostrato di rilevare queste condizioni fino al 98% delle volte, spesso superando i test medici attualmente in atto per fare lo stesso. Il dottor Coates aggiunge: “Mi sono imbattuto in molte storie di pazienti che dicono di essere finalmente andati da un medico perché i loro cani hanno ripetutamente annusato o leccato il braccio, l’addome, ecc., E hanno continuato a ricevere una diagnosi di un problema in quella parte del corpo. ”

E i cani che sono stati addestrati possono persino riconoscere i sintomi di una crisi epilettica o di una crisi di ipoglicemia nei diabetici e fornire una prima linea di difesa per aiutare coloro le cui vite sono in pericolo. Cani e gatti potrebbero persino avere la capacità di percepire quando gli esseri umani sono vicini alla morte, come dimostrano i compagni di animali domestici nelle case di cura e negli ospizi che scelgono di rannicchiarsi con un paziente che sta per morire.

Quindi, mentre la giuria è ancora fuori sul fatto che il tuo cane un giorno sarà il prossimo Amazing Kreskin, è confortante sapere che lui o lei interpreterà il tuo stato d’animo e risponderà di conseguenza.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...