Animali

Infezione ossea nei cani

Osteomielite nei cani
L’infiammazione dell’osso o del midollo osseo si verifica più comunemente a causa di infezioni batteriche, ma si manifesta anche raramente come infezioni fungine. Questo tipo di infezione è indicato come osteomielite. L’infiammazione può essere dovuta a un’infezione acuta (improvvisa) oa un’infezione cronica. Le infezioni da altre aree del corpo possono raggiungere le ossa o il midollo osseo attraverso il flusso sanguigno, oppure l’infezione può provenire da un’altra infezione che si trova vicino all’osso. Un’altra causa comune di tali infezioni sono gli incidenti stradali o le lesioni che coinvolgono le ossa e i tessuti molli. I pazienti che hanno subito impianti chirurgici o altri interventi chirurgici ossei possono anche acquisire una successiva infezione.

Sintomi e tipi
Zoppia episodica
Ulcere persistenti
Febbre
letargia
Debolezza
Dolore agli arti
Spreco di muscoli
Gonfiore degli arti
cause
Trauma
fratture
Post-operatorio
Impianto protesico articolare
Ferita da arma da fuoco
Ferite da morso e artigli
Infezioni sistemiche che raggiungono le ossa
Diagnosi
Dovrai fornire una storia completa della salute del tuo cane, dell’insorgenza dei sintomi e dei possibili incidenti che potrebbero aver portato a questa condizione. La storia che fornisci può dare al tuo veterinario un’idea se questa condizione è acuta o cronica. Se l’infezione non è stata diagnosticata per un certo periodo di tempo, la presenza di nuova crescita ossea sul sito dell’osso infetto sarà un’indicazione della sua durata.

IIl

il tuo veterinario eseguirà un esame fisico approfondito sul tuo cane, incluso un profilo chimico del sangue, un esame emocromocitometrico completo (CBC) e un’analisi delle urine. I risultati di questo lavoro di laboratorio di solito rivelano un’infezione sottostante e il livello di risposta del sistema immunitario all’infezione esistente. Se si sospetta un’infezione fungina, potrebbero essere necessari test speciali per isolare e identificare l’organismo fungino causale. I raggi X delle ossa colpite possono mostrare segni di infezioni croniche, con cambiamenti nella struttura ossea. I cambiamenti possono presentarsi come riassorbimento osseo, allargamento del gap di frattura e altre anomalie simili.

L’ecografia darà al tuo veterinario una visione migliore delle ossa, che potrebbero mostrare accumuli di pus nell’osso. Il medico sarà quindi in grado di utilizzare gli ultrasuoni per prelevare un campione di liquido e pus dal sito di infezione per ulteriori analisi di laboratorio e coltura. Una volta che la coltura ha isolato l’organismo specifico che sta causando l’infezione, il medico saprà il percorso da seguire per eradicare i batteri.

In alcuni casi può essere eseguita una biopsia chirurgica dell’osso per un’ulteriore conferma. In caso di infezioni sistemiche, il veterinario preleverà un campione di sangue e farà crescere l’organismo causativo all’interno del campione per trovare i farmaci antibiotici più adatti per il trattamento.

Trattamento
Se il tuo cane ha delle ferite, la prima cosa che farà il veterinario sarà irrigare la ferita. La ferita dovrà essere pulita dal tessuto morto per fornire uno spazio per il drenaggio del pus. Verrà avviata una terapia antibiotica, che potrà proseguire per un lungo periodo di tempo fino alla completa risoluzione dell’infezione.

Se c’è una frattura nell’osso, il veterinario la stabilizzerà per prevenire ulteriori danni ai tessuti e alle ossa circostanti. Chirurgia per stabilizzare la frattura e possono essere utilizzati impianti o altro materiale di fissaggio, a seconda della posizione e della gravità della frattura. Se la frattura è grave, c’è la possibilità che l’infezione si diffonda ad altre parti del corpo. Questo dovrà essere preso in considerazione, soprattutto se c’è troppo danno osseo o tissutale. In alcuni casi l’amputazione di un dito, della coda o di un arto può essere una soluzione più pratica e una strategia più efficace per salvare la vita del tuo cane.

Se viene posizionato un impianto, il veterinario lo rimuoverà dopo che la frattura e la ferita sono guarite. Il follow-up prevede generalmente esami radiografici a intervalli regolari al fine di monitorare l’andamento del trattamento.

Vivere e gestire
L’attività del tuo cane dovrà essere limitata durante la fase di trattamento e guarigione. L’osso rimarrà instabile per qualche tempo e, in caso di amputazione, il tuo cane dovrà imparare a compensare la perdita dell’arto. A seconda della gravità dell’infezione, il trattamento può essere un processo costoso ea lungo termine.

I casi acuti rispondono bene rispetto ai casi cronici, che richiedono una terapia a lungo termine insieme all’intervento chirurgico. Se l’infezione non risponde bene al trattamento antibiotico, il veterinario preleverà ulteriori campioni per determinare un antibiotico più adatto. Allo stesso modo, se la frattura impiega troppo tempo per stabilizzarsi, potrebbe essere necessario eseguire un altro ciclo di intervento chirurgico.

Dovrai rivedere il tuo veterinario a intervalli regolari in modo che il medico possa seguire i progressi del tuo cane attraverso test di laboratorio ed esami a raggi X. Segui rigorosamente le linee guida del tuo veterinario, somministrando i farmaci solo all’ora prescritta e solo nell’esatto dosaggio prescritto. Mancare il dosaggio o modificare il dosaggio degli antibiotici può portare al fallimento del trattamento e a ulteriori complicazioni.

Poiché il movimento dovrà essere limitato fino a quando la frattura non sarà completamente stabilizzata e l’infezione controllata, dovrai creare un posto per il tuo cane in un ambiente privo di stress, lontano da bambini attivi, altri animali domestici e qualsiasi distrazione che possa ottenere il tuo cane irritato. Ad esempio, se metti il ​​tuo cane troppo vicino a un’entrata, una finestra o un’area trafficata, come una camera familiare, il tuo cane potrebbe voler saltare in piedi per indagare o abbaiare. Allo stesso modo, dovrai anche fare attenzione quando porti il ​​tuo cane fuori per liberarsi. Se possibile, potrebbe essere necessario portare il cane fuori e dentro fino a quando l’osso non si è stabilizzato abbastanza da permettere al cane di stare in piedi su di esso.

Il riposo in gabbia può essere un’opzione, possibilmente con un posto vicino alla gabbia per far urinare e defecare il cane. Questa dovrebbe essere l’ultima risorsa, poiché potresti non voler rieducare il tuo cane per uscire di nuovo una volta che è guarito. Chiedi consiglio al tuo veterinario in caso di dubbio, poiché avrà suggerimenti appresi dai pazienti precedenti.

Inoltre, una buona alimentazione durante questo periodo garantirà una rapida guarigione. Chiedi al tuo veterinario suggerimenti su alimenti e integratori per promuovere la guarigione delle ossa.

La prognosi finale dipende dalla sede dell’infezione, dall’entità del problema, dal tipo di frattura, dal tipo di infezione, dall’intervento chirurgico eseguito e dalla risposta individuale del cane al trattamento.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...