Animali

Le piante grasse sono velenose per cani e gatti?

Le piante succulente sono più popolari che mai perché sono facili da curare e funzionano bene come piante d’appartamento.

Contrassegnate dalle loro foglie spesse e carnose, le piante grasse sono originarie degli ambienti desertici ma si adattano facilmente a una varietà di condizioni.

Queste piante resistenti possono prosperare sia all’interno che all’esterno, rendendole le preferite dai giardinieri esperti e dai pollici verdi in erba.

Mentre le piante grasse possono essere piante d’appartamento fantastiche, a bassa manutenzione per gli esseri umani, non sono sempre un’ottima opzione se hai familiari pelosi.

Se ingerito, alcune varietà di questa pianta alla moda potrebbero danneggiare cani e gatti.

“La maggior parte delle piante grasse non sono tossiche per i nostri animali domestici, ma possiamo sicuramente vedere che alcune sono velenose”, afferma la dott.ssa Elizabeth Muirhead, veterinaria con sede nella zona di Virginia Beach.

Se vuoi portare piante grasse in casa o in giardino, dai un’occhiata a questo elenco di piante grasse sicure e velenose per cani e gatti.

PIANTE GRASSE VELENOSE PER CANI E GATTI
Se hai un cane o un gatto in casa, dovresti evitare le seguenti varietà di piante grasse.

ALOE VERA

Una delle piante grasse più popolari, l’aloe vera viene spesso utilizzata per scopi medicinali e terapeutici. La sua linfa viene tradizionalmente usata per trattare le scottature solari e gli estratti della pianta si trovano in integratori, cosmetici e acque aromatizzate.

Tuttavia, questa succulenta può essere velenosa per gli animali domestici. “I componenti noti come saponine sono tossici per cani e gatti e possono causare segni gastrointestinali come vomito, diarrea e letargia”, afferma il dott. Muirhead.

Le piante di aloe sono caratterizzate da viticci lunghi e appuntiti. Alcune varietà hanno fogliame macchiato di bianco, mentre altre fioriscono periodicamente. Tutte le varietà dovrebbero essere tenute lontane dagli animali domestici, consiglia il Dr. Muirhead.

KALANCHOE

I Kalancho sono amati per i loro fiori abbondanti, che variano di colore dal rosa pallido all’arancio ardente. Popolare come pianta d’appartamento, questa succulenta tropicale è conosciuta da numerosi soprannomi, tra cui la spina dorsale del diavolo, madre di milioni e pianta della suocera.

Forse non a caso, gli animali domestici non dovrebbero ingerire qualcosa chiamato “spina dorsale del diavolo”.

“I segni predominanti che potresti vedere se il tuo animale domestico ingerisce questa pianta sono vomito e diarrea”, afferma il dott. Muirhead. “Possono anche derivare ritmi cardiaci anormali.”

Se l’animale ingerisce kalanchoe, il Dr. Muirhead consiglia di cercare cure veterinarie immediate.

EUFORBIA

Un genere ampio e diversificato, l’euforbia comprende piante minuscole a bassa crescita che si estendono su alberi.

Molte piante grasse nel genere euforbia, come il cactus a matita e la corona di spine, sono note per essere velenose sia per i cani che per i cani, afferma la dott.ssa Marty Goldstein , veterinaria integrativa e autrice di best seller.

I sintomi dell’avvelenamento derivante dall’ingestione di questa gamma succulenta dall’insufficienza gastrointestinale all’irritazione della pelle e degli occhi, afferma il Dr. Goldstein.

Se hai animali domestici, è meglio evitare qualsiasi pianta del genere euforbia, inclusa la stella di Natale velenosa .

GIADA

Come l’aloe vera, la giada è una pianta d’appartamento comune e facile da coltivare che si trova su molti davanzali. Le piante di giada hanno fusti spessi e legnosi e foglie ovali grassottelle, che conferiscono loro un aspetto simile ad un albero.

Esistono diverse varietà di giada e tutte dovrebbero essere tenute fuori dalla portata degli animali domestici, consiglia il dott. Goldstein. Se il tuo gatto o cane ingerisce giada, possono manifestare sintomi tra cui disturbi gastrointestinali e incoordinazione, osserva il Dr. Goldstein.

PIANTE GRASSE SICURE PER CANI E GATTI
Se stai davvero cercando di espandere la tua collezione di piante e pensi che le piante grasse siano la strada da percorrere, il Dr. Muirhead raccomanda queste opzioni per gli animali domestici:

GALLINE E POLLI

Conosciuto anche come houseleek, gallina e polli (gallina e pulcini in breve) tra le piante grasse più popolari, e per una buona ragione.

Notoriamente a bassa manutenzione, prosperano ovunque dalle fioriere ai giardini rocciosi fino alle succose corone. La pianta principale, nota anche come “gallina”, è collegata ai piccoli rami (i suoi “pulcini”) attraverso radici piccole e delicate, che rendono il display visivamente accattivante.

HAWORTHIA

Se sei un fan della silhouette a spillo di aloe vera, considera invece una haworthia. Conosciuto anche come zebra cactus, questa succulenta facile da coltivare ha un aspetto simile ma non è tossica per gli animali domestici.

CODA DI BURRO

Con lussureggianti viticci finali, la coda del burro è perfetta per la visualizzazione in fioriere sospese e sugli scaffali. Sebbene di solito non fiorisca, alcune piante offriranno fiori rosa o rossi in perfette condizioni durante l’estate.

PROTEGGI I TUOI ANIMALI DOMESTICI DALLE PIANTE TOSSICHE
Con migliaia di varietà di piante grasse e una maggiore disponibilità di piante esotiche, il modo migliore per proteggere i tuoi animali domestici è identificare esattamente quali piante sono velenose per cani e gatti e astenersi dal portarli a casa tua.

Prima di acquistare un nuovo impianto, il dottor Goldstein raccomanda riferimento al vasto database pianta velenosa di ASPCA così come la lista tossicità Pet Veleno di Helpline .

Se hai già piante in casa e in giardino, cerca ognuna per verificare che sia sicuro per gli animali domestici.

È anche importante notare che qualsiasi pianta, tossica o meno, può causare problemi agli animali domestici.

“Anche se le piante non sono tossiche, le piante ingerite causeranno un disturbo gastrointestinale”, afferma il Dr. Goldstein. “Dovresti scoraggiare i tuoi animali domestici dal mangiare piante: tutto può essere pericoloso in grandi quantità.”

Per questo motivo, i genitori animali domestici dovrebbero conoscere i nomi di ogni pianta nella loro casa, compresi i soprannomi e i nomi latini.

Se il tuo animale finisce con il mangiare una delle tue piante non tossiche o ti capita di mangiare una pianta che potrebbe essere velenosa durante una passeggiata o mentre visiti la casa di un amico, la cosa migliore che puoi fare è identificare prima la pianta.

Il dott. Goldstein ha conseguito una laurea in veterinaria presso la Cornell University, dove si trova un giardino didattico dedicato alle piante velenose . Anche così, ammette, sarebbe impreparato a identificare sul posto molte specie di piante pericolose, così come la stragrande maggioranza dei veterinari.

“Conosci le tue piante in anticipo”, afferma il Dr. Goldstein. “Se il tuo animale ingerisce una pianta, cercala online per potenziali tossicità. Di solito cerco di educare lontano da Internet, ma è difficile, con così tante piante diverse e reazioni tossiche “.

Prima che si verifichi un incidente, puoi familiarizzare con alcune delle piante velenose più comuni per cani e gatti che crescono nella tua zona o che gli amici potrebbero avere come piante d’appartamento.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...