Animali

Puoi dare l’ibuprofene al tuo cane?

CURA DEGLI ANIMALI DOMESTICI
Quando tu o un tuo familiare avete un dolore da lieve a moderato associato a mal di testa, artrite o tensione muscolare, raggiungete l’ibuprofene? Molte persone lo fanno – è (relativamente) sicuro, economico e disponibile quasi ovunque.

Ma cosa dovresti fare quando il loro cane sta soffrendo? È naturale chiedersi se sia sicuro somministrare ai cani l’ibuprofene.

Ecco una spiegazione dell’ibuprofene e perché non dovresti mai darlo al tuo cane senza parlare con un veterinario.

CHE COS’È L’IBUPROFENE?
L’ibuprofene è il nome generico per un particolare tipo di antinfiammatorio non steroideo (FANS). È un ingrediente attivo in molti diversi farmaci di marca, tra cui Advil®, Midol® e Motrin®.

Esistono molti diversi tipi di FANS. I FANS progettati per uso umano includono aspirina, naprossene (Aleve®) e, naturalmente, ibuprofene.

Mentre il paracetamolo (Tylenol®) è spesso pensato per essere nella stessa categoria di questi altri farmaci, non è un FANS e funziona in modo diverso.

COME FUNZIONANO I FANS COME L’IBUPROFENE?
L’ibuprofene e altri FANS agiscono bloccando l’attività di un enzima chiamato cicloossigenasi, che svolge un ruolo vitale nella produzione di molecole simili agli ormoni chiamate prostaglandine. Le prostaglandine svolgono molte funzioni nel corpo, incluso lo sviluppo di infiammazione, febbre e dolore.

Mentre questi sintomi sono utili in molte circostanze, in genere utilizziamo i FANS per fornire sollievo quando sono gravi o cronici.

Ma le prostaglandine non promuovono solo infiammazione, febbre e dolore. Hanno anche altri ruoli, tra cui:

Mantenimento di un flusso sanguigno adeguato ai reni

Produce uno strato di muco che protegge il rivestimento interno del tratto digestivo

Permettere al sangue di coagulare normalmente

Quando queste funzioni sono bloccate dall’ibuprofene o da un altro FANS, possono insorgere problemi.

PROBLEMI CON I FANS COME L’IBUPROFENE NEI CANI
La cicloossigenasi si presenta in due forme, COX-1 e COX-2, entrambe coinvolte nello sviluppo di dolore, infiammazione e febbre. Tuttavia, solo la COX-1 svolge un ruolo benefico nella coagulazione del sangue, nel mantenimento del flusso sanguigno verso i reni e nella protezione del tratto gastrointestinale (GI).

Sfortunatamente, i FANS da banco come l’ibuprofene, l’aspirina e il naprossene bloccano l’attività di COX-1 e COX-2. I cani sembrano essere più sensibili agli effetti negativi del blocco della COX-1.

Ciò, combinato con il fatto che i cani metabolizzano ed espellono i FANS in modo diverso rispetto alle persone, significa che anche dosi relativamente basse di ibuprofene possono portare a effetti collaterali potenzialmente letali.

ALTERNATIVE ALL’IBUPROFENE PER CANI
Mai (MAI!) Somministrare ibuprofene o qualsiasi altro FANS da banco al cane senza prima parlarne con il veterinario. In rare circostanze, potrebbero dirti di andare avanti, ma se può essere somministrato in modo sicuro e quale dose deve essere utilizzata si baserà sulla storia del tuo cane, sullo stato di salute, sulle dimensioni, sull’età e su altri farmaci che gli stai somministrando —Solo per iniziare.

Poiché i FANS da banco sono associati a gravi effetti collaterali nei cani, le aziende farmaceutiche hanno fatto molti sforzi per trovare farmaci che bloccano il dolore, l’infiammazione e la febbre lasciando intatte le altre funzioni delle prostaglandine. I FANS che agiscono in questo modo possono ridurre le possibilità di effetti collaterali pur fornendo sollievo da dolore, infiammazione e febbre.

Molti FANS sono stati progettati specificamente per i cani, tra cui:

Deracoxib (Deramaxx)
Carprofen (Rimadyl)
Etodolac (EtoGesic)
Meloxicam (Metacam)
Firocoxib (Previcox).
Questi farmaci sono molto, molto più sicuri ed efficaci per i cani rispetto agli antidolorifici da banco come l’ibuprofene.

LA SICUREZZA PRIMA
Tuttavia, nessun farmaco è completamente privo di rischi. Tutti i tipi di FANS, compresi quelli progettati per i cani, sono stati associati al potenziale di causare effetti collaterali come:

vomito

Diarrea

Scarso appetito

letargo

Ulcerazione gastrointestinale

Disfunzione renale

Danno al fegato

Ecco alcuni modi in cui puoi proteggere il tuo cane:

Seguire le raccomandazioni del veterinario per quanto riguarda il lavoro di laboratorio e ricontrollare.

Somministrare la dose più bassa il più raramente possibile per mantenere il cane a proprio agio. La combinazione di FANS con altre forme di trattamento (perdita di peso, terapia fisica, integratori alimentari e agopuntura, ad esempio) spesso aiuterà.

Non usare due FANS contemporaneamente o un FANS in combinazione con un corticosteroide come il prednisone . Fare così aumenta notevolmente il rischio di effetti collaterali.

Per ridurre le possibilità che i farmaci interagiscano male, prenditi 5-7 giorni di pausa tra i FANS quando passi da un tipo a un altro.

Anche se l’ibuprofene è economico ed efficace per le persone e probabilmente ne hai alcune in casa in questo momento, ci sono opzioni molto migliori disponibili per alleviare il disagio canino.

Parla con il tuo veterinario per determinare quale opzione sarebbe giusta per il tuo cane.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...