Animali

Quali sono le cause della pancreatite nei cani e come trattarla

Se hai un cane che è predisposto alla pancreatite, o uno che tende a intrufolare cibi grassi quando sei fuori a fare una passeggiata, potresti voler saperne di più sui sintomi e sul trattamento della pancreatite nei cani.

Ecco cosa devi sapere sulla pancreatite nei cani in modo da poter avere una migliore comprensione di questa condizione.

Che cos’è la pancreatite nei cani?
Il pancreas è un organo nella cavità addominale. Uno dei suoi ruoli è la produzione di enzimi digestivi, che aiutano a scomporre i prodotti alimentari.

La pancreatite nei cani è una reazione infiammatoria all’interno del pancreas che può provocare dolore addominale, inappetenza e vomito.

L’infiammazione deriva dall’attivazione precoce e inappropriata di un enzima all’interno del pancreas, che provoca la digestione del pancreas stesso.

Quali sono le cause della pancreatite nei cani?
Classicamente, la storia tipica di un paziente canino a cui viene diagnosticata la pancreatite è quella in cui il cane ha mangiato un pasto ricco di grassi o è finito nella spazzatura. Sfortunatamente, questa non è la causa più comune di pancreatite.

In realtà, il 90% delle volte, la causa scatenante della pancreatite nei cani è idiopatica (non può essere determinata).

Alcuni cani sono predisposti alla pancreatite?
Alcune razze sono più inclini allo sviluppo della pancreatite, così come i cani che assumono determinati farmaci.

Gli Schnauzer nani sono considerati una razza predisposta a causa della loro tendenza ad avere problemi con alti livelli di trigliceridi nel sangue.

Un altro esempio è il Cocker Spaniel inglese . Le malattie immunomediate, che derivano da un’attività anormale del sistema immunitario, sono osservate con una frequenza maggiore in questa razza in generale, e il sistema immunitario che attacca il pancreas non fa eccezione.

I farmaci noti per causare l’infiammazione del pancreas includono, ma non sono limitati a, alcuni farmaci chemioterapici e alcuni antibiotici.

Quali sono i sintomi della pancreatite nei cani?
La pancreatite può presentarsi come una malattia ad esordio improvviso (acuta) o come una malattia a lungo termine (cronica).

Un cane con pancreatite acuta avrà segni clinici più gravi, come:

Letargia grave

Dolore addominale

Vomito persistente

Disidratazione grave

Collasso e shock (a volte)

Un cane con pancreatite cronica in genere non è così malato. I segni clinici possono includere:

letargia

Diminuzione dell’appetito per non mangiare affatto

Dolore addominale e/o vomito

In generale, la pancreatite cronica non è così comune nei cani come la pancreatite acuta.

I cani con pancreatite cronica possono sviluppare improvvisamente una pancreatite in peggioramento. Questa è una situazione in cui la pancreatite cronica si presenta acutamente.

In che modo i veterinari diagnosticano la pancreatite nei cani?
La malattia del pancreas può essere difficile da identificare perché, spesso, i segni della malattia non sono specifici del pancreas e gli esami del sangue di routine spesso non sono utili.

Tuttavia, ci sono esami del sangue specifici per il pancreas che possono essere eseguiti quando il veterinario ha un alto sospetto di pancreatite.

Sfortunatamente, anche questi test speciali non sono accurati al 100%.

Anche i raggi X addominali non sono molto utili nella diagnosi della pancreatite nei cani. Tuttavia, in un paziente che vomita, è importante eseguire i raggi X per escludere una potenziale ostruzione da corpo estraneo dello stomaco e/o dell’intestino (qualcosa che il tuo cane ha mangiato, come uno squittio di un giocattolo).

Il metodo migliore per l’immagine del pancreas è tramite ecografia addominale. Tuttavia, il tessuto del pancreas deve essere sufficientemente anormale da poter essere visualizzato utilizzando l’ecografia, che è più comune nei cani con pancreatite acuta e grave, rispetto a quelli con pancreatite cronica lieve.

Nel complesso, l’analisi del sangue e l’ecografia addominale sono migliori nell’aiutare a diagnosticare la pancreatite nei cani quando è acuta e grave.

Come trattare la pancreatite nei cani
Il trattamento è principalmente una terapia di supporto, indipendentemente dal fatto che il paziente abbia una pancreatite acuta o cronica.

Pancreatite grave nei cani
I pazienti con pancreatite acuta grave spesso richiedono un intervento e un trattamento medico più estesi.

Questi pazienti hanno spesso bisogno di diversi giorni, se non settimane, di trattamento, tra cui:

Supporto endovenoso intensivo (IV) di liquidi ed elettroliti

Misure di controllo del dolore

Farmaci antinausea

Farmaci per la protezione dello stomaco

Supporto nutrizionale sotto forma di sondino

Antibiotici (a volte)

I pazienti con pancreatite grave sono spesso critici e trattati al meglio in una pratica specialistica, come una struttura di terapia intensiva 24 ore su 24. Il costo per il trattamento è stimato in circa $ 2000-5000, ma può variare a seconda di dove vivi.

Pancreatite da moderata a lieve nei cani
I pazienti con pancreatite moderata o lieve possono essere ricoverati in ospedale da uno a pochi giorni per la fluidoterapia endovenosa per correggere la disidratazione.

In un cane con pancreatite lieve, il veterinario può determinare che la somministrazione di liquidi sottocutanei (applicata sotto la pelle), sia all’appuntamento che a casa, sarà adeguata per la reidratazione.

Questi pazienti sono generalmente trattati anche con:

Farmaci antinausea

Un protettore dello stomaco

Farmaci antidolorifici

Si raccomanda una dieta leggera e povera di grassi durante il recupero (può essere una dieta casalinga e/o preparata in casa)

In generale, i pazienti con pancreatite da lieve a moderata guariscono in una o due settimane. Il trattamento può variare con questi pazienti, quindi il costo varia. Se ricoverati in ospedale per alcuni giorni, i costi possono approssimarsi a $ 1500-2500. Se trattato in regime ambulatoriale, il costo è di circa $ 500-1000.

Può essere raccomandato un cambiamento permanente della dieta, specialmente nelle razze predisposte (Schnauzer) o nei cani con una precedente storia di pancreatite.

Qual è la prognosi per la pancreatite nei cani?
La prognosi per i cani con pancreatite dipende in ultima analisi dalla gravità della malattia.

Un cane con pancreatite grave ha una prognosi generale da scarsa a grave, quindi un rischio maggiore di morte. Questi pazienti possono morire per una grave condizione infiammatoria di tutto il corpo, che si traduce in insufficienza multiorgano.

La formazione di ascessi pancreatici e la peritonite (infezione della cavità addominale) sono un’altra complicazione della pancreatite grave che aumenta il rischio di morte.

È importante notare che un cane che si è ripreso anche da un singolo episodio di pancreatite o da ripetuti episodi di pancreatite può sviluppare estese cicatrici all’interno del tessuto pancreatico.

Ciò può portare allo sviluppo del diabete mellito e/o di una condizione chiamata insufficienza pancreatica esocrina (EPI). L’EPI si verifica a causa del fatto che il pancreas non è in grado di produrre una quantità sufficiente di enzimi digestivi.

La pancreatite ha molte potenziali cause e i cani possono presentare una malattia che varia da lieve a molto grave. Inoltre, i segni della malattia non sono specifici del pancreas, quindi può essere una sfida da diagnosticare. In definitiva, quanto più precoce è la diagnosi e il trattamento, tanto più positivo è il risultato

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...