Animali

Razza dei cani: caratteristiche, cura e salute del Bovaro bernese

Con una colorazione simile al San Bernardo, il Bovaro del Bernese è l’unica varietà di bovaro svizzero che ha un pelo lungo e setoso. Intelligente, forte, agile, calmo e sicuro di sé, il bovaro bernese è un lavoratore versatile.

Caratteristiche fisiche
Il grande, robusto e robusto bovaro bernese può facilmente gestire il lavoro che coinvolge la guida e la brutta copia poiché ha la giusta combinazione di agilità, ritmo e forza. Ha un corpo leggermente lungo e quadrato, ma non è alto. Il suo trotto lento è caratteristico della sua naturale andatura di lavoro, ma la sua forza motrice è buona. Il mantello moderatamente lungo e spesso è diritto o leggermente ondulato, offrendo isolamento dal clima estremamente freddo. La sorprendente miscela di tre colori del cane (un colore di fondo nero corvino con una ricca ruggine e chiari segni bianchi) e l’espressione gentile lo rendono affabile.

Personalità e temperamento
Questa razza leale, sensibile ed estremamente devota è riservata agli estranei e molto gentile con i bambini. Suona bene anche con altri animali domestici e cani ed è infelice se isolato dalle attività familiari. Il bovaro bernese è meglio descritto come un compagno di famiglia accomodante e placido. Queste qualità sono evidenti una volta che diventa adulto.

Cura
Una spazzolata settimanale è sufficiente per la cura del pelo di questo cane da montagna. La razza Bovaro del Bernese ama la vita all’aria aperta, in particolare quando fa freddo. Sebbene possa vivere all’aperto in climi freddi e temperati, il bovaro bernese è così attaccato alla sua famiglia che non può vivere da solo fuori.

Un moderato esercizio quotidiano, come una passeggiata al guinzaglio o una breve escursione, è tutto ciò che la razza richiede per rimanere in forma. Mentre è al chiuso, dovrebbe avere molto spazio per allungarsi. Anche il bovaro bernese ama tirare le cose.

Salute
La razza Bovaro del Bernese è occasionalmente soggetta a problemi di salute come la malattia di von Willebrand (vWD), ipomielinizzazione, allergie, ipotiroidismo, degenerazione epatocerebellare e atrofia progressiva della retina (PRA). Le malattie minori di cui è probabile che il cane soffra sono la cataratta, la stenosi sub-aortica (SAS), l’ entropion e l’ ectropion . I disturbi più gravi che colpiscono questa razza includono displasia dell’anca canina ( CHD ), displsia del gomito , torsione gastrica e tumore dei mastociti . È necessario prestare molta attenzione per prevenire il colpo di calore.

I test del DNA, cardiaco, dell’anca, degli occhi e del gomito sono consigliati per il bovaro bernese, che ha una vita media da 6 a 9 anni. (La durata della vita del cane è, secondo una massima svizzera, “Tre anni un giovane cane, tre anni un buon cane e tre anni un vecchio cane. Qualunque cosa in più è un dono di Dio.”)

Storia e background
Il bernese è famoso per essere l’unico cane da montagna svizzero, o Sennenhunde , con un pelo lungo e setoso. La sua vera origine è spesso contestata, ma alcuni esperti ritengono che la storia del cane risalga al tempo in cui i romani invasero la Svizzera, quando i cani da guardia del gregge nativi e i mastini romani furono incrociati. Ciò ha portato a un cane forte, che potrebbe tollerare il rigido clima alpino ed essere usato come mandriano, pastore, cane da tiro, cane da fattoria comune e guardia del gregge.

C’è stato poco sforzo, tuttavia, per preservare il bovaro bernese come razza, nonostante la sua versatilità. Il numero di cani bernesi stava rapidamente diminuendo verso la fine del XIX secolo, quando il professor Albert Heim, un geologo e appassionato di cani, iniziò a studiare i cani svizzeri e identificò il bovaro bernese come un tipo individuale. Molti dei cani rimasti erano situati nella regione della valle delle Alpi svizzere inferiori.

Gli sforzi del Dr. Heim hanno assicurato che i cani fossero promossi in tutta la Svizzera e persino in Europa. Le razze migliori furono viste per la prima volta nell’area di Durrbach, quindi il loro nome originale era Durrbachler. Ma quando la razza iniziò a diffondersi in altre regioni, fu ribattezzata Bovaro del Bernese.

Il primo bovaro bernese fu introdotto negli Stati Uniti nel 1926, ottenendo in seguito il riconoscimento dall’American Kennel Club nel 1937.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...