Animali

Razze dei gatti: Manx

Famoso per la sua mancanza di coda, il Manx è originario dell’Isola di Man, situata tra Inghilterra e Irlanda. Questa razza rotonda e tenera è anche amante del divertimento e amichevole, se ci fossero altri animali domestici.

CARATTERISTICHE FISICHE

Sebbene grassoccia e rotondo, il Manx ha un corpo compatto con muscoli solidi. La caratteristica più sorprendente del gatto è il suo piccolo “troncone” di una coda, che è classificato in quattro varietà: scontroso, scontroso, tozzo e lungo. Rumpy è in cima alle classifiche di popolarità ed è molto richiesto negli anelli degli spettacoli: questi non hanno coda, con solo una fossetta al suo posto. Stumpy ha una coda corta e curva, mentre i longies – i meno popolari – possiedono una coda normale.

Esistono anche due tipi di manx: shorthair e longhair (precedentemente Cymric). Il doppio cappotto del pelo corto è lucido e imbottito, mentre il pelo lungo ha un doppio cappotto setoso e morbido. Esistono molti tipi diversi di colore e varietà accettati, tra cui bianco, nero, marrone maculato, tabby argento e punta nera.

Curiosamente, il Manx ha un’andatura da coniglio, che sembra saltellare piuttosto che camminare.

PERSONALITÀ E TEMPERAMENTO

Questo gatto amante del divertimento è un ottimo compagno. Si adatta facilmente, si lega bene con altri animali domestici (in particolare i cani) e si diverte a giocare a prendere e saltare su scaffali alti, ma troverà ancora il tempo di rannicchiarsi con te per un po ‘di coccole.

STORIA E CONTESTO

Il Manx ha una lunga storia e vive sull’isola di Man – che si trova nel Mare d’Irlanda, tra Inghilterra e Irlanda – per secoli. Ci sono diverse storie su come sono arrivati ​​sull’isola.

Secondo una storia, il gatto stava viaggiando con l’Armada spagnola quando fu demolito sull’Isola di Man nel 1588. I gatti nuotarono sull’isola e ne fecero la loro casa. Un’altra storia è che furono portati sull’isola dai commercianti fenici, che arrivarono dal Giappone. Altri sostengono che il gatto fu introdotto sull’isola dai coloni vichinghi che lo colonizzarono.

Gli abitanti dell’isola hanno anche molte storie fantasiose per spiegare la sua mancanza di coda, che è spesso attribuita a una mutazione genetica spontanea verificatasi molti secoli fa. Secondo una storia, il Manx era il risultato di un incrocio tra un gatto e un coniglio. Un altro racconto fantasioso racconta come gli invasori irlandesi rubarono la coda del gatto per creare pennacchi per i loro caschi. Ancora un’altra storia interessante suggerisce che il Manx fu portato sull’Arca di Noè ma dato che il tempo era breve e poiché erano gli ultimi passeggeri a salire a bordo, Noah sbatté la porta sulla coda.

Secondo i primi registri del registro americano, i primi gatti Manx furono importati dall’Isola di Man oltre un secolo fa, ma man mano che cresceva la domanda per la razza, gli allevatori iniziarono a fare affidamento su Gran Bretagna e Francia per nuove importazioni.

Sebbene sia ancora considerato un gatto raro, il Manx ha lo status di Campionato in tutte le associazioni.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...