Animali

Sintomi dell’influenza canina: cosa cercare

Il tuo cane sta tossendo e congestionato, svogliato e si sente schifoso, proprio come ci sentiamo quando abbiamo un disturbo respiratorio.

Il tuo cane potrebbe avere la versione canina del comune insetto umano noto come influenza? La risposta è sì ed è importante ottenere una rapida valutazione, afferma il dott.Brian Collins, capo sezione e docente del servizio di pratica comunitaria del Cornell University College of Veterinary Medicine a Ithaca, NY

Come negli esseri umani, l’influenza è una malattia respiratoria, dice Collins. Poiché la maggior parte dei cani non ha un’immunità naturale a questi virus relativamente nuovi, molti che sono esposti al virus dell’influenza canina (CIV) si ammaleranno. Questa è la cattiva notizia. La buona notizia è che la maggior parte dei cani che si ammalano di influenza canina hanno solo una forma lieve della malattia.

Sintomi dell’influenza canina
I cani che soffrono di una forma lieve di influenza mostreranno febbre e tosse che dureranno da una a tre settimane, dice Collins. Altri sintomi iniziali possono includere diminuzione dell’appetito, letargia e una secrezione verdastra dal naso e dagli occhi.

Sfortunatamente, alcuni cani si ammalano di più e sviluppano febbre più alta e respiro affannoso a causa della polmonite. Per alcuni, dice Collins, l’influenza diventa fatale.

La diagnosi può essere complicata perché i sintomi dell’influenza canina imitano quelli della tosse del canile più comune e di altri disturbi potenzialmente più gravi come la polmonite, le malattie cardiache o anche alcuni tipi di cancro. È importante che i genitori di animali domestici portino i cani per una visita medica, dice Collins.

“Vorrei mettere in guardia i proprietari di cani dal cercare di diagnosticare i loro cani prima di consultare il loro veterinario”, dice Collins. “Poiché i segni clinici dell’influenza canina possono sovrapporsi a numerose altre condizioni, i proprietari di cani dovrebbero contattare il veterinario ogni volta che osservano qualcosa di anormale con il loro animale domestico.”

Che cosa causa l’influenza del cane?
Due virus separati possono causare l’influenza canina, dice Collins.

Il primo, H3N8, è stato identificato come una malattia contagiosa del cane nel 2004, secondo la pagina web della Cornell sull’argomento. I ricercatori del Cornell’s Animal Health Diagnostic Center hanno isolato il virus, in collaborazione con un progetto di ricerca dell’Università della Florida sulle malattie respiratorie nei levrieri da corsa.

Il virus è stato sequenziato presso i Centers for Disease Control ei ricercatori hanno determinato che il virus era correlato al virus equino H3N8 che circolava tra i cavalli americani. Entro un anno dalla scoperta del virus del cane, alcuni cani da compagnia in Florida e New York City avevano il virus. Da allora, il virus è apparso in molte aree diverse degli Stati Uniti, secondo Cornell.

Ma anche un altro tipo di virus influenzale, l’H3N2, di origine aviaria, può causare l’influenza del cane. Questo virus è apparso per la prima volta nel 2015 nell’area di Chicago e si è diffuso rapidamente in molti stati. Il virus H3N2, che è apparso anche in alcuni gatti, è quello che sta causando più preoccupazione nella comunità degli animali domestici ora, dice Collins.

Opzioni per il trattamento dell’influenza nei cani
Il trattamento per l’influenza canina varia. Per i casi lievi, il veterinario può semplicemente incoraggiare il riposo, il monitoraggio domestico del cane e forse i cambiamenti nell’assunzione di cibo e acqua, dice Collins. Se la tosse è più grave, il medico può prescrivere sedativi della tosse e antibiotici se il cane ha un’infezione batterica secondaria.

I cani che sono gravemente malati di CIV possono richiedere il ricovero per terapia intensiva che include liquidi per via endovenosa, antibiotici e ossigenoterapia. Purtroppo, una piccola percentuale di cani morirà ancora di influenza nonostante il trattamento, dice Collins.

Sono disponibili vaccinazioni per proteggere i cani da gravi malattie causate da virus influenzali. Tuttavia, con più di un ceppo in circolazione diffusa, i cani hanno bisogno di entrambi i vaccini H3N2 e H3N8 per garantire la protezione contro entrambe le versioni influenzali, dice Collins. Se il tuo cane non è stato vaccinato e il tuo veterinario lo consiglia, riceverà una serie di due colpi, somministrati a due o quattro settimane di distanza, seguiti da richiami annuali.

I vaccini ora vengono somministrati ai cani a maggior rischio di contrarre l’influenza, come i cani che vanno ai canili e alle esposizioni canine. I cani che sono esposti a molti altri cani e canini nelle aree focolaio sono anche considerati i primi candidati per le vaccinazioni, dice Collins.

I cani possono trasferire il virus dell’influenza agli esseri umani?
Dato che anche noi esseri umani prendiamo l’influenza, i nostri cani possono trasmetterci la malattia? A questo punto, dice Collins, non ci sono prove che l’influenza canina sia zoonotica e contagiosa per le persone.

“Tuttavia, esiste il potenziale per il virus di cambiare nel tempo in modo tale da poter saltare le specie, comprese le persone”, dice. “Il CDC sta monitorando questa minaccia.”

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...