Animali

Tutto quello che devi sapere sul cane Alaskan Malamute

Spesso confuso con il Siberian Husky , l’Alaskan Malamute è uno dei più antichi cani da slitta artici. Di ossatura pesante, con spalle potenti e un torace profondo, è costruito per lavorare su terreni accidentati e freddi, ma è anche un compagno affettuoso e amichevole.

Caratteristiche fisiche
Questa razza ha un corpo lungo, compatto e di ossatura pesante, che la rende forte e durevole. Simile a un tipo nordico con la sua corporatura potente, l’Alaskan Malamute è stato allevato meno come corridore e più per trasportare carichi pesanti. Ha un’andatura instancabile, equilibrata e costante. Gli occhi sono “da lupo” ma l’espressione del cane è morbida. Lo spesso strato doppio ha un sottopelo denso, oleoso e lanoso e un rivestimento esterno ruvido che fornisce isolamento.

Personalità e temperamento
Essendo un cane orientato alla famiglia, l’Alaskan Malamute è ben educato al chiuso. Richiede esercizio quotidiano altrimenti diventa frustrato e distruttivo. Sebbene l’Alaskan Malamute, indipendente, volitivo e potente, a volte sia aggressivo nei confronti del bestiame, dei cani strani e degli animali domestici, è socievole e amichevole con le persone. La sua personalità dominante, inoltre, può riflettersi nella sua tendenza a ululare e scavare.

Cura
Poiché il cane può correre per grandi distanze, ha bisogno di un adeguato esercizio quotidiano, sotto forma di una buona corsa o di camminare al guinzaglio. La razza ama il freddo e ama tirare una slitta o un carrello nella neve. Può stare bene nei climi freddi o temperati, ma dovrebbe essere tenuto al chiuso durante l’estate. Il mantello dell’Alaskan Malamute, nel frattempo, deve essere spazzolato settimanalmente e anche più frequentemente durante la stagione della muta.

Salute
L’Alaskan Malamute, che ha una durata media di 10-12 anni, soffre occasionalmente di torsione gastrica, convulsioni , emeralopia e polineuropatia. I principali problemi di salute che possono affliggere la razza sono la displasia dell’anca canina ( CHD ) e la cataratta, mentre le preoccupazioni minori includono l’osteocondrodisplasia ( DOC ) e l’ ipotiroidismo . Per identificare alcuni di questi problemi, un veterinario può condurre esami dell’occhio, dell’anca e della tiroide su questa razza di cane, nonché test per l’osteocondrodisplasia.

Storia
Sebbene l’origine dell’Alaskan Malamute non sia chiaramente nota, è generalmente considerato un discendente del cane Mahlemut. Un’antica tribù Inuit, i Mahlemut erano i nativi di Norton Sound, un’insenatura sulla costa nord-occidentale dell’Alaska.

Mahlemut deriva dalla parola Mahle , che è il nome di una tribù Inuit, e mut , che significa villaggio. Proprio come molti cani appartenenti alla famiglia degli spitz, questa razza si è sviluppata nella regione artica ed è stata modellata da condizioni climatiche difficili.

In origine, i cani funzionavano come partner durante la caccia di orsi polari, foche e altri grandi selvaggina. Poiché l’Alaskan Malamute era forte, grande e veloce, poteva facilmente svolgere il compito che avrebbe richiesto molti cani di piccola taglia, come riportare le grandi carcasse a casa del padrone. Il Malamute divenne così intrecciato con la vita delle persone, che presto fu considerato un membro della famiglia, non più trattato come un semplice animale domestico.

Nel 1700, gli esploratori stranieri dell’Alaska, molti dei quali arrivarono durante la corsa all’oro della fine del XIX secolo, rimasero sinceramente colpiti dai cani di grossa taglia e dall’affetto dei proprietari per loro. Si sono divertiti organizzando gare e gare di sollevamento pesi tra i cani. I nativi Alaskan Malamute furono infine incrociati tra loro e con i cani portati dai coloni, al fine di creare buoni corridori o per fornire il gran numero di cani necessari per le attività di ricerca dell’oro. Ciò rappresentava una minaccia per la purezza della razza Malamute.

Un appassionato di corse di cani nel New England, tuttavia, ottenne esemplari vitali della razza negli anni ’20 e iniziò a sviluppare il Malamute nativo.

Poiché la razza ha guadagnato fama, è stata utilizzata in vari modi. Nel 1933, ad esempio, alcuni Malamute furono selezionati per aiutare l’ammiraglio Richard Byrd con la sua spedizione in Antartide. Il Malamute è stato nuovamente utilizzato durante la seconda guerra mondiale, per fungere da bestia da soma, trasportatore di merci e cane da ricerca e salvataggio.

L’American Kennel Club ha riconosciuto la razza nel 1935 e da allora è diventata popolare come fedele animale domestico e impressionante cane da esposizione.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...