Animali

Tutto quello che devi sapere sul cane Komondor

Si pensa che il Komondor abbia avuto origine in Ungheria più di 500 anni fa. Conserva ancora il mantello piuttosto insolito e pesante costituito da corde bianche, che fa apparire il cane come gli stessi animali per cui è stato allevato: le pecore.

Caratteristiche fisiche
Grande e muscoloso, il Komondor è leggermente più lungo e non molto alto. Si muove con passi lunghi, piacevoli e leggeri.

Il marchio di fabbrica del Komondor è il suo doppio strato, che consiste in un cappotto esterno ondulato o riccio e un sottopelo denso e lanoso. Questi due strati sono intrecciati per formare forti corde simili a nappe che proteggono il cane dai denti dei suoi nemici, dalle intemperie e aiutano persino il Komondor a mimetizzarsi con un gregge di pecore.

Personalità e temperamento
Il cane è bravo con il bestiame e altri animali domestici ed è molto felice quando gli viene data la possibilità di vegliare su qualcuno o qualcosa. Un vero guardiano, è sempre protettivo nei confronti della sua famiglia; tuttavia, potrebbe interpretare erroneamente il gioco violento tra i bambini come aggressività.

È indipendente, silenzioso e placido, ma a volte può diventare dominante o ostinato. Il Komondor non è un cane per i miti di cuore. Inoltre, la socializzazione precoce è importante per abituare il Komondor a persone e cani strani.

Cura
Questa razza non ama il clima caldo, ma può vivere all’aperto in climi freschi e temperati. Anche se il cane non perde pelo, le sue corde (che iniziano a svilupparsi a 2 anni di età) devono essere separate regolarmente per evitare che la stuoia e lo sporco in eccesso rimangano intrappolati nel mantello. Ciò rende anche il bagno e l’asciugatura un compito piuttosto difficile, che spesso richiede un’intera giornata. Le sue esigenze di esercizio, nel frattempo, possono essere soddisfatte con alcuni brevi giochi in cortile o una lunga passeggiata nel quartiere.

Salute
Il Komondor, che ha una durata media di 10-12 anni, è suscettibile a problemi di salute minori come la displasia dell’anca canina ( CHD ) e la torsione gastrica, nonché l’ otite esterna , i punti caldi e l’ entropion . Per identificare precocemente alcuni di questi problemi, il veterinario può raccomandare test dell’anca per cani di questa razza di cane.

Storia e background
Le prime notizie sul Komondor risalgono al 1555, ma si pensa che la razza esistesse molto prima. Il suo ruolo principale era quello di proteggere i greggi di pecore dagli animali predatori. Erano così efficaci, infatti, che alcuni credono che abbia completamente impoverito la popolazione di lupi in Ungheria.

Il Komondor discende dal grande russo Owtcharka dalle gambe lunghe, che fu portato in Ungheria dagli Unni. I cani avevano una somiglianza così sorprendente con le pecore Racka o Magyar, con lana riccia e una carrozza simile a un cane, che si mischiavano facilmente con le pecore e sembravano far parte del gregge.

Il primo Komondor fu introdotto negli Stati Uniti nel 1933; quattro anni dopo l’American Kennel Club ha riconosciuto ufficialmente la razza. A causa della distruzione della seconda guerra mondiale, tuttavia, la razza fu quasi decimata in Europa. Fortunatamente, gli allevatori dedicati sono stati in grado di far rivivere la popolarità della razza e il loro numero.

Il Komondor è tra i cani più attraenti del ring, ma solo i migliori sono in mostra. Pertanto, il Komondor è una razza rara in tutto il mondo, tranne in Ungheria. Sebbene ci siano alcuni allevatori di pastori di nuova generazione negli Stati Uniti che si sono interessati al Komondor, perché migliora la capacità del pastore di proteggere i greggi.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...