16 maggio giornata sulla celiachia: ecco cosa sapere

Il 16 maggio si celebra la Giornata Mondiale della Celiachia. La ciliachia è una malattia autoimmune che coinvolge un sistema immunitario che reagisce al glutine, una proteine ​​presente nei cereali come grano, orzo e segale.

Nelle persone geneticamente prediposte, l’assorbimento del glutine può portare a infiammazioni intestinali. Tuttavia, la continua esposizione alla proteina può danneggiare gradualmente l’intestino tenue, causando problemi di assorbimento di minerali e sostanze nutritive dal cibo. Circa 1 persona su 100 nel mondo soffre di celiachia e altre non lo sanno.

Il 16 maggio la Settimana Nazionale della Celiachia, evento presentato dall’Associazione Italiana Celiachia (Aic), dal 1979 dedicato al miglioramento della vita delle persone celiache e delle loro famiglie.

La settimana, che si tiene ogni anno a maggio, è stata istituita nel 2015 e durerà fino al 22 maggio, con l’obiettivo di “fornire una corretta informazione e sensibilizzare il pubblico e i media sulle patologie preoccupanti in Italia a 600.000 persone, di cui quasi 400.000 non ancora diagnosticate. L’unico modo per le persone celiache di evitare i sintomi è evitare il glutine nella loro dieta.

16 maggio giornata sulla celiachia: sintomi

I sintomi della malattia possono variare da lievi a lievi o gravi, cambiano nel tempo e variano da persona a persona.Alcune persone non hanno sintomi o sviluppano sintomi solo più tardi nella vita. Una persona potrebbe non sapere di avere la celiachia fino a quando non sviluppa carenze nutrizionali o anemia.

I bambini hanno maggiori probabilità rispetto agli adulti di manifestare sintomi digestivi. Questi sintomi includono: dolore addominale, gonfiore, diarrea cronica o costipazione, nausea,vomito, feci pallide e dall’odore sgradevole.

I sintomi della celiachia non digestiva possono includere:perdita di peso, stanchezza, depressione o ansia, dolore articolare, ulcere della bocca,un’eruzione cutanea chiamata dermatite erpetiforme. Il danno ai nervi delle estremità, chiamato neuropatia periferica, può causare formicolio alle gambe e ai piedi

Le persone celiache possono Carenze nutrizionali, come quelle intestinali danno, può limitare gradualmente l’assorbimento di nutrienti come le vitamine B12, D e K. Per lo stesso motivo, le persone possono anche soffrire di anemia da carenza di ferro.

Oltre alla malnutrizione, la celiachia può anche causare danni all’intestino crasso e danni più sottili ad altri organi.

Diagnosi

Di solito un medico può diagnosticare la celiachia esaminando la storia medica del paziente e della famiglia e ordinando esami del sangue, test genetici e biopsie. Un medico controlla nel sangue gli anticorpi che si trovano comunemente nelle persone celiache, inclusi gli anti-gliadine e gli anticorpi endomisio. Se altri test suggeriscono la celiachia, i medici possono utilizzare un endoscopio per eseguire una biopsia intestinale per prelevare un campione della parete intestinale. Di solito, ci vogliono più volte per migliorare l’accuratezza dei risultati.

Dieta

Per la maggior parte delle persone celiache, il passaggio a una dieta priva di glutine può migliorare notevolmente i sintomi e le persone potrebbero notarlo per alcuni giorni o alcune settimane. Negli adulti, il recupero completo può richiedere diversi anni. Una volta che l’intestino guarisce, il corpo è in grado di assorbire nuovamente i nutrienti dal cibo. In alcune parti del mondo mangiare senza glutine è più facile che mai e le opzioni senza glutine stanno crescendo.

Cosa mangiare e cosa evitare

Il glutine si trova naturalmente nel grano, nella segale e nell’orzo. La maggior parte dei cereali, dei cereali e della pasta, così come molti alimenti trasformati, contengono glutine. Anche birra e altre bevande alcoliche a base di cereali possono contenerlo. È importante controllare le etichette, poiché il glutine può essere un ingrediente di alcuni prodotti inaspettati.Gli alimenti senza glutine includono:carne e pesce, frutta e verdura, alcuni cereali, tra cui riso, amaranto, quinoa e grano saraceno, farina di riso, pasta, pane, prodotti da forno e altri con l’etichetta “Glutine -prodotti “free”Si può anche eliminare il glutine dalle ricette sostituendo gli ingredienti e talvolta regolando tempi e temperature di cottura.

In passato, gli esperti consigliavano alle persone celiache di evitare la farina d’avena. Tuttavia, le prove ora mostrano che l’avena è generalmente sicura in quantità moderate, purché non sia esposta al glutine durante la lavorazione.