Calcio nelle arterie: rischio d’ infarto – I segnali da non trascurare

Calcio nelle arterie: rischio di infarto – I segnali da non trascurare. Il calcio è un minerale essenziale che si trova nel corpo umano. Solo l’uno per cento del calcio nel corpo si trova nel flusso sanguigno. Tutto il resto si trova nelle nostre ossa e nei nostri denti.

Quali sono i pericoli dei depositi di calcio nelle arterie?

Quando il calcio in eccesso si accumula nel sangue e quando si combina con il colesterolo, ha un effetto devastante sulla salute umana. Forma una placca che aderisce alle pareti delle arterie. Questi depositi possono causare un blocco parziale o completo. Indurisce anche le pareti dell’arteria.

Nella terminologia medica, tali depositi di calcio e materiale grasso nelle arterie sono chiamati aterosclerosi. L’accumulo di depositi aumenta il rischio di malattia coronarica. Le persone con livelli elevati di calcio nel sangue sono molto più suscettibili agli attacchi di cuore e all’ictus.

Sintomi

I depositi di calcio nelle arterie possono compromettere il normale flusso sanguigno solo se bloccano parzialmente o completamente l’arteria interessata. I sintomi visibili dipendono da quale arteria del corpo è bloccata.

Se l’arteria coronaria è bloccata, i sintomi sono dolore al petto al minimo sforzo, mancanza di respiro, pesantezza al torace e battito cardiaco lento o rapido.

In caso di blocco del calcio nell’arteria che fornisce sangue al cervello, i sintomi sono vertigini, linguaggio confuso, perdita di memoria, debolezza alle mani e alle gambe, mal di testa improvviso e grave e difficoltà a mantenere l’equilibrio.

I depositi di calcio nelle arterie periferiche delle gambe e delle braccia o del bacino possono produrre sintomi come intorpidimento delle gambe, sensazione di formicolio nella zona interessata e dolore e spasmo dei muscoli.

Calcio nelle arterie

Come ridurre i depositi in modo naturale

Il modo per ridurre i depositi di calcio nelle arterie è simile al trattamento dell’aterosclerosi. Implica il cambiamento dello stile di vita e i farmaci.

Smettere di fumare preverrà ulteriori danni al rivestimento interno delle arterie e complicazioni che ne derivano.

Segui una dieta equilibrata composta da tutti i nutrienti essenziali.

L’esercizio fisico può ridurre l’accumulo di calcio e colesterolo all’interno dell’arteria. L’esercizio fisico brucia il grasso corporeo e inoltre non consente al grasso di rimanere a lungo nel sangue.

Riduci l’assunzione di sodio. Il sodio è responsabile dell’ipertensione. La pressione alta danneggia la parete arteriosa e la rende debole. Rende le arterie suscettibili all’accumulo di calcio.

Aggiungi più verdure verdi come broccoli e cavoletti di Bruxelles alla tua dieta. Questi alimenti sono ricchi di vitamina K, che è utile nel bloccare l’accumulo di calcio nelle arterie.

Come puoi scoprire se hai depositi di calcio nelle tue arterie coronarie?

Scopri il tuo punteggio di calcio cardiaco . Questo test semplice e non invasivo utilizza una TAC per misurare la quantità di calcio nelle arterie coronarie. Rilevare i segni di una calcificazione precoce può aiutare a prevenire un infarto o un ictus.

Quali sono le cause dei depositi di calcio nelle arterie?

I ricercatori non sono in grado di trovare la causa esatta dei depositi di calcio nelle arterie, ma hanno concluso che alcuni fattori sono la causa principale. L’aterosclerosi si sviluppa nel tempo e si verifica a causa di un danno cronico nella parete arteriosa.

Leggi anche La ricerca scopre la prima causa dell’ infarto

Il danno può essere il risultato di vari fattori. Il fumo è uno dei motivi principali. Troverai alti livelli di calcio nel sangue arterioso nelle persone che fumano. L’eccesso di grasso corporeo e il colesterolo alto si aggiungono al problema. L’alto livello di glucosio nel sangue danneggia anche le arterie. Durante il processo di guarigione, il calcio e altre sostanze iniziano a depositarsi sul rivestimento della parete arteriosa. Infine, il consumo cronico e pesante aumenta anche il rischio di depositi di calcio elevati nelle arterie.