Benessere

“Consumatori da casa”: cosa abbiamo imparato dal lockdown

“Consumatori da casa”: cosa abbiamo imparato dal lockdown. La pandemia ci ha fatto avere un approccio diverso sui nostri consumi. Vediamo cosa ci ha insegnato e il buono che possiamo trarre.

Il Covid 19 ormai con l’aiuto del vaccino sta finendo la sua forza nel mondo e la pandemia è sotto controllo rispetto all’anno precedente. La pandemia stessa ha cambiato i nostri consumi e ci ha insegnato delle cose che anche dopo il virus, delle abitudini che non avevamo e molti di noi continueranno ad averle. Vediamo quali.

Abbigliamento sportivo e soft

Tanti in pandemia nello stare a casa hanno scoperto l’abbigliamento soft, comodo. Un tipo di abbigliamento sportivo. Infatti per molti i pantaloni di tuta e le scarpe da ginnastica verranno usati anche dopo la pandemia. Dalle notizie si vede anche che questo tipo di abbigliamento risulta il più venduto.

“Consumatori da casa”: smart working

Tanti lavori durante la pandemia sono stati svolti nelle proprie abitazioni. Molte aziende si sono accorte che il loro sistema di lavoro fatto in smart working aveva un maggior profitto. Infatti si abbattono i costi di sedi fisiche e poi il dipendente riesce a dare un profitto migliore per il fatto che il lavoro ha tempo flessibile. Quindi la pandemia sotto questo aspetto ha cambito l’intero sistema di tante aziende.

"Consumatori da casa": cosa abbiamo imparato dal lockdown

Cucinare in casa

Tante persone ormai avevano perso l’abitudine. Tanti sono abituati durante il giorno e il lavoro di andare presso i pasti veloci, fast food e ristoranti. Invece la pandemia ha riscoperto lo stare insieme a casa e cucinare. Questo non è solo un fatto delle donne come avviene spesso ma molti uomini hanno insegnato a stare vicino ai fornelli. In questo periodo risulta un consumo maggiore dei cibi crudi nei market rispetto a quello della ristorazione.

"Consumatori da casa": cosa abbiamo imparato dal lockdown

Leggi anche Mantieni La Tua Mente Giovane E Acuta, Consigli Come Fare

“Consumatori da casa”: dispositivi medici di sicurezza

Durante la pandemia abbiamo usato liquido igienizzante, guanti monouso, mascherine. Molti di noi anche post pandemia non perderanno questo tipo di abitudine. Basta pensare che per il solo uso delle mascherine si è abbassato l’indice dell’influenza. Tanti hanno capito che in alcuni contesti e determinati periodo l’uso dei dispositivi medici di sicurezza possono essere utili anche dopo il covid.

Conclusione

Queste descritte in questo articolo, le quattro abitudini di consumo principali cambiate dalle persone che andranno avanti anche post pandemia. Le fonti delle notizie sono a livello globale rilevate dal web, dalla nostra redazione e dai quotidiani di carta stampata. La pandemia ci ha cambiato le abitudini e insegnato nuove cose.

Autore:

Paolo Tescione.
Inizia In Tarda Età La Passione Di Blogger E Subito Riesce A Fondare Alcuni Blog In Vari Settori Con Oltre 40milioni Di Visite. Specialista Blogger, Seo, Copywriter, Digital Marketing E Marketing Del Salone. Il suo profilo social Facebook

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...