arti inferiori
Benessere

Gambe pesanti: rimedi naturali e consigli

Il gonfiore delle caviglie e sensazione di pesantezza alle gambe sono disturbi molto frequenti, soprattutto d’estate, anche tra le donne giovani. Il caldo esterno tende, infatti, a dilatare i vasi sanguigni rendendo più difficoltosa la circolazione del sangue all’interno delle vene e ostacolandone la risalita verso il cuore. Da qui il ristagno di liquidi a livello degli arti inferiori, che attenta al benessere delle gambe. Il problema può presentarsi anche nelle stagioni meno clementi, specialmente se si staziona spesso in ambienti surriscaldati dai termosifoni o si è alle prese con altri fattori che influenzano la circolazione.

Quali sono le cause?

Le cause sono numerose e a volte sussistono tutte insieme, accentuando il gonfiore e la pesantezza. Ciascuna di esse può aprire la strada al rischio della malattia varicosa, caratterizzata da un importante sfiancamento delle pareti venose. Ne consegue un significativo rallentamento della circolazione sanguigna e quindi una difettosa ossigenazione dei tessuti. I fattori favorenti più importanti sono l’esposizione diretta delle gambe a fonti di calore, come possono essere i raggi del sole o l’acqua del bagno superiore ai 36 gradi. Ma anche solo l’aumento della temperatura esterna tipica dell’estate.

Appartengono all’elenco il consumo eccessivo di sale da cucina, che favorisce la ritenzione idrica. Ma anche l’assetto ormonale che caratterizza la gravidanza, oltre che cinque-sette giorni che precedono la comparsa delle mestruazioni. Può accentuare il problema anche la consuetudine di stare a lungo in piedi o seduti, senza muovere almeno qualche passo di tanto in tanto. Anche la stitichezza, ovvero un ritmo di evacuazione inferiore alle tre volte a settimana, può indirettamente peggiorare la situazione.

Quali sono le erbe utili per curare le gambe pesanti?

I rimedi naturali per la cura delle nostre gambe possono essere la Centella, il Mirtillo, il Rusco, e la Vite da vino. La centella si può utilizzare per la preparazione delle tisane. La dose è di due-tre pizzichi per ogni tazza d’acqua. Lasciare in infusione per 15 minuti, poi filtrare. Si può dolcificare con poco zucchero di canna. Da bere durante la giornata. Vite rossa, mirtillo e rusco si possono assumere in compresse, i rimedi sono utili anche per combattere la fragilità capillare. Di sera, prima di coricarsi è consigliato fare un pediluvio con acqua fresca con disciolti due cucchiai di sale grosso iodato. Poi è opportuno coricarsi con un cuscino sotto le gambe. I piedi devono posizionarsi più in alto della testa.

Potrebbe piacerti...