Silvoterapia: abbracciare un albero è tutta saluta

La silvoterapia o abbracciare un tronco d’albero, fa bene alla mente e al corpo. Questa antica pratica è ottima per alleviare lo stress e ripristinare la respirazione, anche per pochi minuti, inoltre, sono stati riscontrati effetti benefici anche sul corpo

In definitiva, la silvoterapia non è solo abbracciare un tronco, ma bensì anche la lunga permanenza nel bosco è perfetta per chi lo desidera per evadere dall’inquinamento delle città. Una terapia adatta anche a chi soffre di asma, bronchite cronica, pressione alta, stress eccessivo o insonnia.

Silvoterapia: che cos’è

La terapia forestale, come detto in precedenza, è una pratica antichissima, ma è stata riconosciuta come un vero metodo scientifico nel 1927. Questa scoperta è dovuta grazie all’ adozione da parte delle discipline mediche che si occupano di balneo-climatoterapia. Diciamo che negli ultimi anni è stata quasi dimenticata, per poi essere ripresa. Infatti la silvoterapia è consigliata non solo a persone con bronchite o malattie cardiovascolari, ma anche a persone sane per prevenire molte malattie, oltre a ritrovare un equilibro psicofisico.

Benefici

La  primavera è la stagione migliore per dedicarsia questa pratica. I benifici sono prima di tutto legati al fatto di essere all’aria aperta, i raggi solari inoltre favoriscono la vitamina D, mentre la luce naturale stimola la produzione di endorfine e seratonina. Tuttavia, nei pressi di un albero, l’aria è ricca di ossigeno e di ioni negativi che contrastano gli inquinamenti atmosferici. Il profumo del legno e delle foglie regala benessere e ti aiuta a farti sentire in pace favorendo il relax ,mentre, il rumore delle foglie, e del legno inducono un benessere interiore che migliora l’attività del sistema nervoso.

Accanto ad un albero, al contrario di quello che si può pensare, la presenza degli ioni negativi rallenta la frequenza della respirazione e riduce la pressione del sangue, di conseguenza, meno infiammazioni. L’aria pulita respirata in prossimità degli alberi migliora la capacità polmonare perché  durante la respirazione vengono eliminate le tossine. Vicino ad un albero è possibile fare meditazione e concentrazione quindi un rilassamento mentale che ti permetto un buon riposo notturno.

Vantaggi

Gli alberi emettono sostanze volatili, ovvero distruggono germi nocivi  con l’effetto germocida. Infatti, le giornate trascorse con gli alberi hanno dimostrato di: attiva la circolazione sanguigna, aumentare il numero di globuli rossi, promuovere la respirazione nei pazienti con malattie polmonari croniche, promuovere il sonno. in seguito hanno scoperto che:  ritarda l’invecchiamento.  Tutti questi benefici sono dovuti alla ricchezza di ioni negativi dell’ossigeno nell’aria del bosco, ottimo alleato per stimolare e coordinare i processi vitali, la sfera mentale ed emotiva.

Gli alberi

È interessante notare che in passato la natura era considerata l’unica medicina possibile per molte malattie. Diamo un’occhiata a cosa hanno da dire su alcune piante: abete: combatte la ritenzione idrica e mantiene le ossa sane. Acacia: migliora la termoregolalzione. Betulla: stimola la circolazione. Biancospino aiuta la digestione. Fico: compatte la diarrea. Pino migliora la circolazione. Salice: abbassa la pressione arteriosa e mantiene sane le vie urinarie. Ma esiste anche un interpretazione psicoterapica: Pini e pioppi per chi è demotivato, rovere e noce per essere più sicuri di se, peri e meli per la creatività salici per essere meno severi, fico per chi non si applica, alberi secolari per chi ha bisogno di forza interiore.

Come fare in pratica

Ecco come metterlo in pratica. Circondare il tronco con le braccia e appoggiare la fronte alla corteccia aspirando il legno, cosi facendo allontanare i pensieri negativi. La seconda pratica consiste nel appoggiare la schiena contro il tronco dell’albero, un tecnica che svuota la mente. Restare almeno venti minuti vicino all’albero e mantenersi almeno a quaranta centimetri dal tronco, allontanandosi si perdono i benefici delle vibrazioni dell’albero stesso.