mamme

Il parto vaginale: le migliori posizioni del parto

Il parto vaginale: le migliori posizioni del parto. Mentre ti prepari per l’arrivo del tuo piccolo, potresti chiederti come puoi aumentare le tue possibilità di avere un parto vaginale rispetto al taglio cesareo, che è un importante intervento chirurgico addominale. Altrimenti noto come travaglio e parto normale, il parto vaginale ha meno rischi e in genere un recupero più facile rispetto al taglio cesareo. Quindi diamo un’occhiata alle migliori posizioni di parto.

Il parto vaginale ha meno rischi

Attualmente, il CDC riporta che il 31,7% di tutte le nascite avviene tramite taglio cesareo, il che significa che le probabilità di un parto normale sono il doppio di quelle del taglio cesareo. Puoi aiutare ad aumentare quelle probabilità usando strategie e posizioni di lavoro attive.

Frequenti cambi di posizione durante il travaglio per aiutarti a sentirti più a tuo agio e aiutare il bambino a raggiungere la posizione migliore, dicono gli ostetrici e le infermiere-ostetriche certificate. La tua posizione di parto durante il travaglio può aiutare la tua cervice a dilatarsi e assottigliarsi in modo che il bambino si sposti più facilmente nel bacino.

Le tue infermiere ti consiglieranno diverse posizioni di parto da provare mentre monitorano la frequenza cardiaca del tuo bambino durante le contrazioni. Cerca di evitare di sdraiarti a letto, sdraiato sulla schiena: questo mette pressione sui vasi sanguigni, riduce il flusso sanguigno al tuo bambino e se ti stendi sulla schiena e rimani.

Il parto vaginale ha un recupero più facile rispetto al taglio cesareo

Nella posizione di parto puoi effettivamente rallentare il tuo travaglio, riducendo le opportunità del bambino di spostarsi nella posizione migliore per il parto.

Avere farmaci antidolorifici come narcotici o un’epidurale può anche ridurre la tua capacità di cambiare posizione durante il parto durante il travaglio. Se scegli di ricevere un narcotico o un’epidurale per il dolore, prova a muoverti il ​​più possibile in anticipo. Ciò potrebbe comportare un movimento indipendente o con l’aiuto di un parto o di una palla di arachidi.

Le palle da parto possono essere instabili: chiedi alla tua infermiera o a un membro della famiglia vicino di supportarti mentre sali e scendi e dondoli sulla palla. Le palline di arachidi sono utili quando si lavora a letto e sono più tipicamente utilizzate se si utilizza un narcotico o un’epidurale, o se si preferisce la pallina di arachidi a una palla di stabilità.

Alla fine, devi scegliere le posizioni di parto che sono le più comode e sicure per te.

Le posizioni del parto possono aiutare ad aumentare la probabilità di avere un parto vaginale:

Stare in piedi o camminare

Stare in piedi o camminare funziona con la gravità, consentendo al bacino di aprirsi e al bambino di scendere nel canale del parto. Camminare può essere fatto in qualsiasi momento durante il travaglio. Mentre cammini, può essere utile appoggiarsi a un muro o al tuo partner per avere supporto durante le contrazioni.

Accovacciato o seduto

Come in piedi, anche lo squat apre il bacino per dare al bambino più spazio per abbassarsi. Chiedi alla tua persona di supporto di aiutarti ad assumere una comoda posizione accovacciata. Alcuni ospedali hanno anche una barra per accovacciarsi o per il parto. Una barra accovacciata si collega al letto del travaglio. Appoggiarsi alla barra può anche aiutare le gambe a stancarsi. Ad alcune donne piace rimanere accovacciate durante il parto. Questo può essere più difficile da fare con un’epidurale in atto.

Sedersi su una palla da parto può aiutare con il dolore durante e tra le contrazioni e sedersi su una palla da parto aiuta anche a mantenere il bacino aperto per il bambino. Siediti, dondola da un lato all’altro, o avanti e indietro, o rimbalza dolcemente per contropressione per il tuo perineo.

Mani e ginocchia

Andare a mani e ginocchia (a quattro zampe) in un letto per il parto è un altro modo per far fronte più comodamente, soprattutto se stai vivendo un travaglio alla schiena. Con questa posizione di parto, la gravità spinge la testa del bambino verso il basso contro la cervice, il che può aiutare ad accelerare la dilatazione.

Mentre sei su mani e ginocchia puoi sollevare la testata del letto in modo da poterti piegare in avanti per stabilizzarti. Avere la persona di supporto o l’infermiera nelle vicinanze per maggiore stabilità, comfort e supporto Gli infermieri possono aiutare se questa è una posizione di parto difficile in cui entrare con i narcotici o un’epidurale a bordo.

Sdraiato di lato

Questa posizione per il parto è molto utile quando è necessario ruotare un bambino posteriore (la parte posteriore della testa del bambino è verso la tua schiena) in una posizione migliore per il parto. Sdraiarsi su un fianco è più comodo se sei stanco e non vuoi stare in piedi.

Se hai un’epidurale e devi rimanere a letto, è preferibile sdraiarsi su un fianco piuttosto che sdraiarsi sulla schiena. Quando sei sdraiato di lato, usa una palla di arachidi tra le gambe per aprire il bacino. Aggancia le gambe intorno alla parte più stretta o allineate con entrambe le ginocchia e le caviglie appoggiate sulla palla. Se i tuoi fianchi diventano scomodi, riaggiusta la palla.

Leggi anche Depressione post partum: come sapere se si soffre

Quando è necessario il parto cesareo

A volte è necessario un taglio cesareo, soprattutto se il travaglio non sta progredendo. Il travaglio può verificarsi se la cervice non si apre abbastanza nonostante le forti contrazioni durante diverse ore di travaglio. Il travaglio può anche rallentare o bloccarsi se il bambino non è nella posizione migliore per un parto vaginale.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...