mamme

La salute del cervello: il lavoro la rende ottimale

La salute del cervello: il lavoro la rende ottimale. Le donne che lavorano tendono ad avere una memoria migliore più avanti nella vita, affermano gli esperti di una clinica psicologica.

Mentre pensiamo all’istruzione come a un potenziamento del nostro cervello. La direttrice del Centro di prevenzione del movimento dell’Alzheimer femminile presso una clinica in America, ha affermato che lavorare per tutta la vita è una buona medicina per il nostro cervello. Il gruppo ha seguito più di 6.000 donne di età compresa tra 16 e 55 anni per 12 anni, testandone la memoria ogni 2 anni. I risultati hanno mostrato che dopo i 60 anni, il declino della memoria era maggiore del 50% tra le donne che non lavoravano.

Questa è una notizia particolarmente importante. Considerando che le donne sono a maggior rischio di Alzheimer e rappresentano i due terzi di tutti i casi attuali.

La salute del cervello: lavorare più a lungo e demenza

Il lavoro può anche aiutare a prevenire la demenza. Un ampio studio su quasi mezzo milione di lavoratori autonomi in Francia suggerisce che ritardare il pensionamento significa che le persone potrebbero essere meno a rischio di sviluppare la demenza, compreso il morbo di Alzheimer.

Che cos’è il lavoro che mantiene agile il cervello?

Il lavoro spesso dà alle persone uno scopo nella vita, un vantaggio per il benessere e la salute mentale. Il posto di lavoro è un ambiente sociale, una comunità con colleghi e colleghi. Devi comunicare con le persone per svolgere il tuo lavoro, pur trovando il tempo per i pettegolezzi, la linfa vitale di qualsiasi organizzazione. Hai compiti da svolgere e, nella maggior parte dei casi, anche i lavori di routine richiedono l’apprendimento di nuovi programmi software, cambiamenti negli orari e l’incontro con i nuovi assunti.

Funzioni cerebrali che migliorano con l’età

La scienza in questi giorni si sta allontanando dall’immagine desolante dell’invecchiamento come un processo inevitabile di danno cerebrale e declino. I ricercatori hanno scoperto che un cervello che invecchia compensa il declino di alcune capacità con miglioramenti in altre.

Leggi anche Quando il bambino piange: sono coliche?

Ad esempio, sebbene i lavoratori più anziani elaborino in genere le informazioni più lentamente rispetto ai loro coetanei più giovani. Altre funzioni, come la memoria semantica, il linguaggio e la parola, migliorano con l’età. La memoria semantica cattura cose che sono di conoscenza comune. Come i nomi dei colori, le capitali dei paesi e altri fatti di base acquisiti nel corso della vita. I lavoratori più anziani hanno più esperienza e tendono a costruire relazioni più forti.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...