sigarette
mamme

Le sigarette danneggiano il tuo bambino

Le sigarette danneggiano il tuo bambino per tutta la vita. Sapevi che il fumo influisce sul tuo bambino in via di sviluppo molto tempo dopo la sua nascita? In effetti, può influire sulla sua salute fino all’età adulta.

Mentre meno donne rispetto a prima fumano in gravidanza, l’American Lung Association (ALA) afferma che il 10% delle donne in gravidanza fuma ancora. E questo significa che il bambino riceve anche nicotina con ogni sigaretta.

Potrebbe sorprenderti sapere che se fumi, il tuo bambino subirà l’astinenza da nicotina dopo la nascita. Sarà pignola perché è a disagio, soffre e potrebbe manifestare tremori e rigidità muscolare.

Quando ciò accade, le tue infermiere ti incoraggeranno a fasciare il tuo bambino per comodità e ad allattarlo il più spesso possibile per rallentare il processo di svezzamento mentre la nicotina passa attraverso il tuo latte materno.

Le sigarette danneggiano il tuo bambino per tutta la vita

Se fumi, potresti anche affrontare questo problema da solo dopo il parto, in particolare se hai avuto un taglio cesareo e non puoi stare in piedi. Gli ospedali vietano il fumo e potrebbe non esserci alcun posto nella struttura per fumare.

Le sigarette: Rischiare la salute del tuo bambino

Il fumo è associato a bambini che nascono troppo piccoli, prematuri o addirittura muoiono nell’utero, affermano gli esperti. Questo è importante perché i bambini che nascono piccoli per la loro età gestazionale corrono un rischio significativamente maggiore di molteplici problemi medici da neonati, bambini e persino nell’età adulta, tra cui ipertensione, diabete e difetti cardiaci e malattie, affermano gli esperti. Il fumo provoca anche cambiamenti metabolici legati al modo in cui un bambino usa l’insulina in utero che sono stati collegati alla sindrome metabolica più avanti nella vita.

Le sigarette e il loro fumo contengono migliaia di sostanze chimiche, tra cui nicotina, piombo, cianuro e più di 50 composti cancerogeni. Il fumo durante la gravidanza influisce notevolmente sui polmoni del bambino, principalmente perché la nicotina e il monossido di carbonio lavorano insieme per soffocare l’ossigeno del bambino, esponendolo a un rischio quattro volte maggiore di malattie respiratorie e sindrome della morte improvvisa del lattante post-parto. Inoltre, gli esperti sanitari concordano sul fatto che il fumo espone anche il bambino a un rischio maggiore di sviluppare l’asma.

Ma soprattutto, se fumi in gravidanza, stai influenzando il cervello del tuo bambino in via di sviluppo. I bambini nati da madri che fumano hanno cervelli complessivamente più piccoli e meno cellule nella corteccia cerebrale, la parte principale del cervello, che secondo gli esperti è un segno di morte cerebrale durante lo sviluppo.

Rischiare la qualità della vita del bambino

Molti fumatori hanno la falsa impressione che fintanto che smettono dopo la nascita del bambino, gli effetti sul loro bambino scompariranno. Ma la ricerca ha dimostrato che il danno non finisce una volta nato il bambino. Purtroppo, i cambiamenti nelle cellule cerebrali in utero e subito dopo la nascita che sono cruciali per lo sviluppo successivo e le capacità cognitive si sono già verificati.

Il fumo provoca un’alterazione della plasticità cerebrale e riduce il numero di cellule cerebrali in divisione. Questo porta a difficoltà di apprendimento e deficit comportamentali più avanti nella vita. Come descritto nelle riviste scientifiche, “Il fumo influisce sull’eventuale programmazione della competenza sinaptica”. Gli esperti concordano sul fatto che non solo tuo figlio ha maggiori probabilità di avere un peso cerebrale inferiore, ma è anche a maggior rischio di future difficoltà di apprendimento e gravi problemi di salute, come la paralisi cerebrale e le disabilità intellettive a causa della mancanza di ossigeno in utero.

Inoltre, la ricerca ha dimostrato che se fumi durante la gravidanza, è più probabile che il tuo bambino lotti con la depressione più avanti nella vita a causa dei cambiamenti nei 5 recettori HT che sono alterati nell’utero.

Altri studi hanno dimostrato che i bambini nati da fumatori hanno maggiori probabilità di prendere l’abitudine e hanno più difficoltà a smettere a causa dei cambiamenti neurologici che hanno avuto luogo nell’utero. Il CDC ha scoperto che dei 3.000 nuovi giovani che diventano fumatori ogni giorno, molti sono adolescenti predisposti al fumo e non avevano idea che le scelte e le abitudini della madre li avessero avviati a una possibile lotta per tutta la vita con la dipendenza da nicotina.

Leggi anche Bambino con la diarrea: cosa dare da mangiare

Le sigarette danneggiano il tuo bambino: Strategie per smettere di fumare

Esercitati a dire “no grazie; Non fumo” finché non diventa un’abitudine.
Stabilisci una data realistica per smettere: concediti almeno 1 mese per liberarti dalla nicotina.
Diminuisci lentamente il fumo in questo periodo di tempo.
Unisciti a un gruppo di supporto, online e di persona; ci sono così tante risorse gratuite per aiutarti a smettere.
Rivolgiti al tuo medico o vai da uno specialista per smettere di fumare.
Prova la sostituzione della nicotina tramite inalatore, cerotto, gomma, pastiglia o farmaci per aiutarti a smettere lentamente ed efficacemente.


Trova il successo usando farmaci e consulenza insieme: questo aumenta notevolmente le tue possibilità di successo.
Scrivi il tuo viaggio e rifletti quotidianamente sui motivi per cui hai smesso.
Tieni le mani occupate con un hobby o uno sport.
Riduci lo stress tramite la meditazione, lo yoga, la respirazione profonda o l’ascolto di musica rilassante.
Ritarda la prima sigaretta di ogni giorno e la “prossima” – ogni giorno che fumi meno sigarette è un risultato.
Dì a tutti che te ne vai e chiedi il loro aiuto.
Premiati per il tuo duro lavoro.
Riconosci la differenza tra “ricaduta” e “scivolata”: rivisita i tuoi obiettivi e torna subito in carreggiata.
Una volta che smetti, rimani senza fumo ricordando a te stesso i tuoi obiettivi nello smettere; poi continuare a praticare una vita sana.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...