mangiare
mamme

Mio figlio non mangia Cosa fare e cosa non fare?

Mio figlio non mangia Cosa fare e cosa non fare. Mamme invito alla calma. Perché non c’è bambino che non mangi nulla. I nostri piccoli possono avere scarso appetito o mancanza di cibo per diversi motivi. Oppure addirittura soffrire dei famosi scioperi della fame, ma in ognuno di questi 3 scenari, il nostro piccolo quelli mangiano o bevono cibo.

Cosa possiamo fare quando vediamo che nostro figlio non mangia correttamente?

Dobbiamo prestare attenzione ai nostri piccoli. Identificare l’origine di questa mancanza di appetito , ricordando che si definisce l’appetito come irregolare e imprevedibile, i nostri piccoli potrebbero non mangiare ciò che noi come madri vogliamo che mangino , o ancora di più che mangiano ciò che offriamo loro senza alcuna scelta.

Offriamo una varietà di cibi a casa. In questo modo saranno più interessati ai cibi offerti a casa quotidianamente, offrendo nuove preparazioni e non entrando nella zona di comfort.


Presta attenzione allo stato emotivo dei nostri piccoli. Anche se potresti non crederci, è un fattore chiave nella perdita di cibo e se rileviamo che questa potrebbe essere la causa del loro basso apporto, lavoraci su e se hai bisogno di professionisti aiuto, non esitate a cercarlo.

Mio figlio non mangia Cosa fare e cosa non fare?

Osserviamo lo sviluppo dei nostri piccoli. Valutiamo se è un bambino attivo, piccolo o non malato, è sveglio, ha buone prestazioni e memoria, è in linea con la sua crescita e si osserva nelle visite pediatriche, ha un buon riposo e l’equilibrio dell’assunzione di cibo. Questi sono indicatori che il tuo sviluppo è sulla strada giusta.
Incoraggia la loro autonomia quando mangiano, questo ruolo è fondamentale nel loro sviluppo e possiamo dargli dal 6° mese di vita. Se non l’hai ancora fatto… inizia offrendogli del cibo sulla sua tavola ed evita di mettergli un cucchiaio.


Accompagna il tuo piccolo a una dieta coscienziosa , questo aiuta a controllare la fame e la sazietà quando mangia.


Dategli la possibilità di servirsi da solo, questo aiuta il vostro piccolo ad ascoltare da solo i bisogni del suo corpo e a mettere nel piatto quello che pensa di consumare, in base ai suoi sentimenti di fame.
È fondamentale e necessario stabilire una routine quotidiana , questo darà sicurezza al tuo piccolo e conoscerà chiaramente i momenti in cui mangia, gioca, riposa, ecc.

Cosa NON dovremmo fare?

Riempire i piatti dei nostri piccoli con quantità eccessive o grandi di cibo , questo può dare soddisfazione visiva ai bambini prima di provare il cibo.
Non lasciate che il vostro piccolo mangi da solo, ricordiamoci che mangiare è un piacere e deve essere un’esperienza positiva per tutti a casa, l’ora della pappa è un momento di legame.


Attenti a condizionare il momento del pasto con punizioni o gratificazioni , questo non fa altro che impedire al tuo piccolo di avere un buon rapporto con il cibo.
Non disperare quando questi episodi di perdita di appetito sono intermittenti o isolati.
Smetti di offrire solo i cibi che piacciono al tuo piccolo , non smettere mai di offrire cibo, potresti rimanere sorpreso!

Leggi anche Progetti fai-da-te: i bambini devono essere coinvolti?


Come mamma e nutrizionista, ti consiglio di lavorare sulla voglia di mangiare. Piuttosto che su quella che, finché mangi, io ti offro qualunque cosa , qualunque cosa e dovunque! Lavora sul rapporto che vuoi che i tuoi piccoli abbiano con il cibo in futuro, e soprattutto partiamo dall’esempio a casa.

Come genitori non dobbiamo concentrarci solo su ciò che mangiamo. Ma anche su come mangiamo, non possiamo mettere da parte il lavoro che richiede di avere buone abitudini alimentari che portano a uno stile di vita sano per sempre.

Se hai bisogno di aiuto, cerca informazioni basate su prove scientifiche. Oppure agenzie che supportano le informazioni sulla nutrizione infantile e, se hai bisogno dell’aiuto di un professionista, non esitare mai a cercarlo!

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...