pelle a pelle
mamme

Pelle a pelle: ecco perché è così essenziale

La ricerca mostra che il contatto con il tuo bambino alla nascita, e successivamente, è maturo con benefici sia per la mamma che per il bambino. Tuttavia, possono esserci barriere negli ospedali e nei luoghi di nascita che bloccano inavvertitamente questa eccellente opportunità. Anche dopo che sei al sicuro a casa con il bambino, amici ben intenzionati, la famiglia e le attività quotidiane a volte possono interrompere questo momento importante.

Accoccolarsi il bambino sul petto subito dopo la nascita aiuta:
Stabilizzare la temperatura corporea del bambino
Regola la frequenza cardiaca, la respirazione e gli zuccheri nel sangue riducendo lo stress
Migliora il legame
Ridurre i rischi di depressione post-partum
Riduci al minimo il pianto dei neonati e migliora il loro sonno
Soprattutto, è stato dimostrato che la cura aiuta a iniziare e aumentare l’allattamento al seno. In effetti, l’acuto senso dell’olfatto del tuo bambino alla nascita lo guiderà al tuo seno per iniziare l’allattamento. Questo stimola la produzione di latte e favorisce tempi di allattamento più lunghi.

Stringersi a se il bambino

Con tutti questi incredibili benefici, cosa deve fare una mamma ben intenzionata? Il tuo bambino ha prosperato sulla tua connessione per più di 9 mesi; tenersi il bambino stretto a se è l’estensione naturale di quella connessione continua dopo il travaglio e il parto. Il bambino attraversa un periodo di attività che dura fino a 30 minuti dopo la nascita; tenere il bambino stretto a se durante questo periodo aiuta a iniziare e continuare l’allattamento al seno. Le tue infermiere si impegnano a incoraggiare la cura e il legame con il bambino; chiedi il loro aiuto per iniziare.

E usa questi 9 consigli degli infermieri che portano a una maggiore cura pelle a pelle:


#1. Imposta l’aspettativa pelle a pelle prima della nascita

Durante l’assistenza prenatale, discuti il ​​tuo piano per fare la cura pelle a pelle e l’allattamento alla nascita con il tuo fornitore di assistenza alla gravidanza. Chiedi di mettere il bambino sul petto alla nascita: questo aiuta a ridurre i rischi di cattiva comunicazione alla nascita del bambino. Parla alla famiglia allargata e agli amici dell’importanza di questo incontro a tu per tu con il bambino subito dopo la nascita; questo li aiuterà a capire le tue richieste di cure ininterrotte.

#2. Diventa difensore di te stesso

Quando condividi i benefici della cura pelle a pelle con gli altri, diventi un sostenitore migliore di te stesso e del tuo bambino e sei più in grado di comunicare le tue preferenze e richieste con i tuoi operatori sanitari. Se il bambino nasce presto, chiedi come potresti essere in grado di praticare questa cura nell’Unità di terapia intensiva neonatale (NICU).

#3. Comunica i tuoi piani a tutti coloro che ti aiutano alla nascita

Spiega che vuoi che il bambino venga messo stretto con te alla nascita e che il bambino rimarrà sempre nella tua stanza con te. A meno che non sorgano complicazioni che interrompano questa opportunità, la maggior parte delle cure infermieristiche e di altro tipo può essere ritardata o eseguita con il bambino che riposa sul petto.

#4. Pratica la cura pelle a pelle dopo il taglio cesareo

Mentre andare pelle a pelle con il bambino dopo un taglio cesareo è meno comune, per molte mamme è possibile e sta iniziando a diventare più popolare. Chiedi di mettere il bambino sul petto in sala operatoria mentre l’incisione è chiusa. Il cesareo delicato è una pratica emergente che aiuta a promuovere la cura alla nascita; chiedi se la tua struttura per il parto offre questo.



#5. Richiede che tutti i test e le procedure vengano eseguiti al tuo capezzale

Prima che il bambino torni a casa, sarà sottoposto a screening neonatale. Chiedi di svolgere queste attività mentre il bambino è sdraiato sul tuo petto, stretto a te. Questo aiuta a rilassare il bambino e a ridurre lo stress o il dolore derivanti da queste procedure. Se il tuo bambino deve andare in un altro luogo per queste attività, chiedi di accompagnarlo.

#6. Chiedi al tuo partner e ad altri di esercitarsi alla cura

Se non stai abbastanza bene da tenere in braccio il bambino dopo il parto, chiedi al tuo partner o a un’altra persona di andare pelle a pelle con il bambino. Questa è un’ottima pratica da continuare una volta che sei a casa; tutti in famiglia possono condividere i benefici del legame con il bambino.

#7. Riduci al minimo i visitatori

Consentire quanto più tempo possibile ininterrotto di stare con il bambino dopo il parto per aumentare il legame e stimolare l’allattamento al seno. Limita i visitatori durante il recupero iniziale. La nascita può essere estenuante! Assapora questo momento privato e intimo di recupero e legame. Le tue infermiere possono aiutarti; molti ospedali ora mettono cartelli sulle porte della sala di risveglio che avvertono sia il personale che i visitatori del desiderio della mamma di cure ininterrotte e tempo di legame.

Leggi anche Piedi gonfi in gravidanza: come trattarli

#8. Normalizzare l’allattamento al seno

Difendi il tuo diritto di allattare tuo figlio. Tutti i 50 stati hanno leggi che proteggono le madri dalla vergogna o dalle molestie durante l’allattamento. Man mano che sempre più donne praticano e sostengono l’allattamento al seno, sarà più facile per gli altrira.

#9. Pratica l’unione con il bambino anche se non stai allattando

Per tutti gli altri motivi per cui è importante una regolare cura pelle a pelle, praticala dalla nascita anche se non hai intenzione di allattare tuo figlio.

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...