piange
mamme

Quando il bambino piange: sono coliche?

Quando il bambino piange: sono coliche? La natura ha progettato il pianto del tuo bambino per attirare la tua attenzione! Forse il bambino è affamato, assetato, a disagio, o ha gas o soffre. Forse il bambino è solo e vuole essere abbracciato e amato. Diamine, solo un cambiamento nella routine, una nuova esperienza o una sensazione di stanchezza è sufficiente per far piangere la maggior parte dei bambini.

Quindi quanto piangere è normale? La ricerca indica che la maggior parte dei bambini piange all’incirca:
2 ore al giorno nelle prime 2 settimane
2 ore e 15 minuti al giorno da 6 settimane
1 ora al giorno a 12 settimane di vita
Durante questi periodi, il bambino può in genere essere calmato con attenzione e cura. Se il tuo bambino cade in uno schema di pianto più intenso, potrebbe essere una colica.

Quando il bambino piange: quando sono le coliche

Per considerare se il bambino ha le coliche, pensa 3-3-3. Con le coliche, il bambino piange per più di 3 ore al giorno, per almeno 3 giorni a settimana e per più di 3 settimane, fino a 3 mesi . Questo tipo di pianto inizia spesso nel primo mese di vita del bambino.

A differenza del normale pianto, un bambino colico di solito sembra angosciato o dolorante. Il pianto colico è estremo con una o tutte le seguenti caratteristiche:

Episodico —che si verifica più o meno alla stessa ora ogni giorno
Intenso — più simile a urlare che a piangere, con un senso di dolore o disagio
Inspiegabile —senza una ragione apparente, come la fame o il bisogno di pannolini
Fisico – il viso del bambino può arrossire e può stringere gli arti, inarcare la schiena e serrare i pugni


Gli esperti non sono sicuri di cosa causi le coliche, ma spesso il flusso di gas del bambino o il movimento della ciotola lo allevia. La colica è stressante per i genitori ma in genere innocua per il bambino. Per quanto possibile, resta con il bambino durante questi periodi, facendo brevi pause con l’aiuto del tuo partner o di un altro adulto di fiducia.



Ogni volta che tu o un’altra persona vi sentite come se non fossero in grado di tenere e consolare in sicurezza il bambino, mettete il bambino nella culla sulla schiena e andatevene. Non scuotere mai il bambino, che potrebbe causare danni permanenti o addirittura la morte. Mentre il bambino continua a piagnucolare, controllalo ogni 5-10 minuti fino a quando il pianto inconsolabile non passa.

Leggi anche Pelle a pelle: ecco perché è così essenziale

Gestire le coliche

Aiuta il tuo bambino in questi periodi intensi con questi suggerimenti; sono loro:
Affamato, bambinaia
Hai bisogno di un cambio di pannolino: parla dolcemente e lentamente mentre ti muovi durante il cambio del pannolino
Gassy – rutti bambino
Teso—fai il bagnetto
Pignolo: vai pelle a pelle mentre cammini o ondeggi
Inconsolabile: porta il bambino a fare una passeggiata o un giro in macchina

Paolo Tescione

Paolo Tescione, Inizia in tarda età la passione di blogger e subito riesce a fondare alcuni blog in vari settori con oltre 40milioni di visite. Ha pubblicato oltre 10mila articoli sul web e libri che sono in vendita su Amazon. Consegue il Master alla Business School sole24ore. Specialista blogger, Seo, copywriter, digital marketing, content marketing. Manager ecommerce qualificato.

Potrebbe piacerti...